Dark Souls 3 Anteprima Gamescom 2015

0
Posted 13/08/2015 by Samuel Castagnetti in Anteprime

Attesissimo e sempre capace di celare i propri segreti, il prossimo nascituro di From Software, Dark Souls 3; lo abbiamo provato alla Gamescom 2015 di Colonia.

Ci siamo calati nei panni del nostro nuovo e caro undead e abbiamo fronteggiato con magna arroganza i nemici piazzati da From Software in questa demo. A parte brutte figure e tanta voglia di avere più tempo a disposizione per esplorare l’area circostante, la demo è stata davvero molto soddisfacente sotto molti aspetti.
Vi erano presenti varie armi, dalla spada classica allo spadone a due mani, passando dall’arco alle doppie lame. Ogni arma, oltre al moveset base presentava un moveset personale a seconda della stance acquisita dal nostro undead. Diciamo che è come se i moveset di Dark Souls incontrassero quelli di Bloodborne per certi versi. Novità quindi riguardanti il gameplay, ma non solo. I nemici sono sempre vari e suggestivi, giusto menzionare il ritorno dei cavalieri come unità d’elite presenti nel gioco, e il design del boss che abbiamo visto davvero sublime.
Diciamo che la serie non sembra affatto aver perso il suo smalto soprattutto grazie al graditissimo ritorno di papà Miyazaki al timone del titolo, il quale presenterà ulteriori novità rispetto al precedente capitolo della serie, oltre a quelle già citate prima. A livello grafico il titolo non si presenta affatto male, facendo finalmente uso di particellari d’effetto e di luce dinamica come, per esempio, quella delle torce, che a seconda di come vengono tenute illuminano di più o di meno una determinata zona.
Tirando le somme, il nuovo titolo From Software si prepara ad uscire nella primavera 2016, con tante e interessanti novità ma soprattutto con il suo capitano al timone ancora una volta, facendo rotta verso Xbox One, PlayStation 4 e PC.


About the Author

Samuel Castagnetti

C'e' poco da dire, chi non sceglie Charmander come starter chiede arroganza, chi fa l'ingegnere su Guns of Icarus chiede arroganza, i programmatori di Asmandez pretendono che l'arroganza si abbatta su di loro. Non ho detto nulla di me stesso o forse, perche' mi arrogo il diritto di non farlo.