World Of Warcraft: vi mostriamo i nuovi modelli dei troll!

0
Posted 17/08/2014 by La Redazione in News

Da un bel po’ di tempo in rete si parla del re-styling dei modelli 3d per la nuova espansione di World Of Warcraft: Walords of Draenor. Con un lavoro titanico da parte dei modellatori al servizio di mamma Blizzard ora i personaggi non sembrano più usciti da un gioco del 2005 ma hanno assunto un certo fascino, sia per l’attenzione al dettaglio sia per il rifacimento per intero delle animazioni e delle espressioni (che contribuiscono a caratterizzare ancora di più ogni razza presente nel gioco).

Tanto di cappello per i 3d artist che hanno partecipato al progetto, i quali si sono trovati a riprogettare e adattare i modelli di tutte le razze del gioco assumendosi la responsabilità di mantenere lo stile grafico che ha reso World Of  Warcraft il più popolare mmorpg al mondo. Senza nulla togliere al lavoro dei grafici, veniamo al dunque dando uno sguardo a come appariranno i troll nella nuova espansione in uscita. Le immagini sono state pubblicate da Blizzard sul forum ufficiale dedicato al gioco e L’Art Director Chris Robinson si è espresso sulle problematiche affrontate dal team che ha lavorato al comparto grafico.

“Una delle parti più complesse da modellare del troll sono state le zanne”  Ha affermato il direttore Robinson aggiungendo che la difficoltà principale consisteva nelle opzioni di customizzazione del personaggio che ha costretto i modellatori ad adattare con fatica varie espressioni del volto a diverse forme o dimensioni delle zanne.
Aspettando l’espansione Walord of Draenor, la cui uscita è prevista per novembre, godiamoci insieme le immagini di questi nuovi modelli dove, udite udite, i muscoli non sono più delle texture!

PixelFlood_Troll_model

PixelFlood_Troll_female_model

PixelFlood_Troll_wow_female2


About the Author

La Redazione

Pixel Flood è una giovane realtà italiana impegnata nel settore videoludico. Siamo una redazione sempre in crescita, che si occupa principalmente di videogiochi (ma senza disdegnare boardgame e giochi di ruolo) con una particolare attenzione al panorama indie italiano. Crediamo che il valore di un gioco non debba essere espresso da numeri inflazionati: per questo nelle nostre recensioni diamo medaglie e non voti.