La più grande collezione al mondo venduta per 750.000$

0
Posted 23/06/2014 by La Redazione in News

La settimana scorsa si è chiusa l’incredibile asta aperta da Michael Thomasson su GameGavel, l’ormai ex possessore della più grande collezione di videogames al mondo. L’asta comprendeva i 10607 titoli con cui Thomasson si è aggiudicato il Guinness World Record il 3 dicembre 2013 più altri 400 titoli circa comprati in seguito (circa un quarto di questi titoli erano sigillati nelle loro confezione originali), il certificato del record e un abbonamento a vita alla rivista Retro. Tutti i giochi sono unici e non ci sono doppioni.

In un intervista su Retro, Thomasson racconta che lui iniziò a collezionare videogiochi dal 1983 con il ColecoVision, arrivando a possedere quasi l’intera libreria di giochi della console. Però vendette tutto per comprarsi il Sega Genesis quando fu rilasciato nel mercato. Iniziò veramente a collezionare giochi dal 1993, mentre aiutava un suo nipote a pulire lo scantinato. Il nipote voleva sbarazzarsi di tutti i suoi vecchi giochi per Odyssey2 e Sega Master System. Nel ’98 possedeva l’intera collezione di Sega Master System e TurboGrafx-16, ma le vendette per pagare le spese del suo matrimonio per poi ricominciare a collezionarli.

Nel 2012  Thomasson possiede i 10607 titoli e circa 108 console diverse, molte di queste rarissime e poco conosciute. Passa circa un anno da quando lui stesso chiama la Guinness WR, la verifica del record, e tutta la burocrazia fino ad arrivare al certificato. La Guinness chiese esplicitamente a Thomasson di non dire nulla sul record fino all’uscita del libro del 2014. Lui stesso ha detto che in media ha comprato all’incirca due giochi al giorno e che si è auto-imposto un budget di 3000$ all’anno. ALTRO CHE SALDI STEAM!!!



About the Author

La Redazione

Pixel Flood è una giovane realtà italiana impegnata nel settore videoludico. Siamo una redazione sempre in crescita, che si occupa principalmente di videogiochi (ma senza disdegnare boardgame e giochi di ruolo) con una particolare attenzione al panorama indie italiano. Crediamo che il valore di un gioco non debba essere espresso da numeri inflazionati: per questo nelle nostre recensioni diamo medaglie e non voti.