EtrusCon 2016 – Novità sull’edizione invernale

0
Posted 03/03/2016 by Daniele Di Rubbo in Analogico
EtrusCon Inverno 2016

Anche quest’anno è giunto il momento di annunciare l’edizione invernale di EtrusCon. Vi abbiamo già parlato della kermesse montecatinese a base di giochi di ruolo indie in un reportage sulla scorsa edizione estiva. Nelle ultime edizioni abbiamo visto una buona presenza anche di giochi da tavolo (e non solo), per cui non siate timidi!

Tra le principali novità di questa EtrusCon Inverno 2016 va sicuramente annoverato il cambio di location: si passa dall’Hotel Royal Palace all’Hotel Cappelli – Croce di Savoia, sempre a Montecatini Terme (PT). A seguito di questo cambiamento, è derivata anche una variazione dei costi della convention (leggermente più bassi, a fronte anche di un’offerta di servizi diversa).

La convention si terrà da venerdì 18 a domenica 20 marzo 2016: tre giorni durante i quali potrete provare giochi dei quali finora avevate soltanto sentito parlare e, allo stesso modo, portare i giochi che conoscete e padroneggiate, affinché anche gli altri giocatori possano conoscerli e apprezzarli.

Per maggiori informazioni, vi ricordiamo che il sito ufficiale della manifestazione è etruscon.it

Buon divertimento!


About the Author

Daniele Di Rubbo

Daniele di Rubbo (Benevento, 1986) vive da sempre a Cremona, in Lombardia. Si interessa di giochi di ruolo fin dal 1997, quando il suo amico Davide lo inizia al mitico Guerre Stellari: Il Gioco di Ruolo (quello coi d6). Nel 1999 compra la scatola introduttiva del “Silver Anniversary” di Dungeons & Dragons, e da lì è l’inizio della fine. Nel 2007 legge il suo primo gioco “indie”, Avventure in Prima Serata, e lo trova in qualche modo geniale. Nel 2012 entra nel vivo della sperimentazione e prova più giochi in un anno di quanti ne abbia mai provati nei quattordici precedenti. Si interessa di letteratura, storia e cultura. Milita in politica (dal 2009 svolge il ruolo di Consigliere comunale). È laureto in Civiltà letterarie e storia delle civiltà e sta conseguendo la laurea magistrale in Civiltà antiche ed archeologia. Nel frattempo si diletta a creare e diffondere giochi che non vedranno mai la luce.