Ray’s The Dead: intervista agli sviluppatori

0
Posted 30/09/2014 by La Redazione in Interviste

Ray’s The Dead, gioco del team Ragtag studio, ha concluso il 21 settembre, con successo, la sua seconda campagna Kickstarter. Il gioco era infatti stato proposto anche nel 2013, ma la campagna era stata interrotta. Inoltre è stato proposto su Steam GreenLight, dove è stato approvato nell’agosto 2013, e durante l’E3 dello stesso anno è stata annunciata una versione per Playstation 4.
Il gioco ha un’ambientazione e una colonna sonore ispirate agli anno ’80. Tutto ha inizio quando Ray Lamorte viene colpito da un fulmine che lo sveglia dal suo sonno eterno: da quel momento dovrà scoprire il mistero della sua vita come zombie e capire a cosa serve lo strano dispositivo che ha nel cervello. Nel corso della sua ricerca verrà aiutato da un esercito di zombie, suoi teneri e decomposti minion, che lui stesso ha creato e controlla.
Ray’s The Dead verrà rilasciato su Steam nel 2015, per PCMac e Linux.
Abbiamo intervistato Chris Cobb, uno dei tre fondatori del team.

Federica: È tenero che uno zombie sia il personaggio principale che deve risolvere dei puzzle e svelare il mistero di sè, senza l’esplicito scopo di far del male agli umani. Come vi è venuta l’idea? Nel gioco la non-vita di Ray come zombie e la sua vita prima della morte si alterneranno. Saranno entrambe giocabili?
Chris Cobb: Ray’s The dead è il risultato di tante differenti idee che abbiamo avuto nel corso degli anni. Il nucleo del progetto viene da un gioco al quale ho lavorato, Stubbs The Zombie. Stubbs è il primo gioco che io conosca ad avere come protagonista uno zombie. Sapevamo di volere fare un gioco con una storia forte, concentrandoci su Ray. Pensavamo che la storia sarebbe stata più interessante se avessimo inserito anche il passato di Ray come umano, e più lavoravamo su questo concetto più esso diventava una grossa parte del gioco. Sia la storia passata di Ray che il suo presente come zombie hanno la stessa importanza nel gioco. Pensiamo sia un’interessante meccanica narrativa.

Uno dei cani-zombie

Uno dei cani-zombie

F: Come zombie Ray avrà il potere di controllare altri zombie. Puoi parlarci di loro? Quali saranno le loro caratteristiche e capacità?
C: Abbiamo pianificato 5 tipi di zombie. Ognuno ha un suo stile di combattimento, come un particolare modo di muoversi nell’ambiente, uitle per risolvere dei puzzle e tirare fuori da situazioni complicate l’esercito degli zombie. Ad esempio, ci sono i cani-zombie, il tipo di zombie più veloce, che possono schivare i proiettili e stordire i nemici con cui entrano in contatto. Il loro svantaggio è la debolezza: non fanno molti danni, perciò si ha bisogno di una combinazione con altri tipi di zombie che, una volta stordito il nemico, possano finirlo. Il cane-zombie può anche trovare cose celate nel livello e percorsi segreti, annusare corpi sepolti che puoi risuscitare per creare altri zombie o i nemici nascosti che tendono un’imboscata. È utile notare che, sebbene ci siano 5 tipi di zombie, essi sono stati rappresentati in vari modi diversi e non hanno delle caratteristiche fisiche che li identificano, quindi il giocatore non avrà visivamente 5 figure particolari indicanti i 5 tipi.

F: Quali importanti novità porta con sè questo ritorno su Kickstarter?
C: Abbiamo un paio di novità riguardo il ritorno su Kickstarter. La prima riguarda la doppia narrazione. Abbiamo precedentemente rivelato che si può giocare Ray sia come come zombie che come umano, ma non lo avevamo mostrato, ora invece è diventato il fulcro primario del gioco. La seconda novità è che Ray’s the Dead arriverà anche su PlayStation Vita!

Ray alla guida del suo piccolo esercito

Ray alla guida del suo piccolo esercito

F: Avete già superato la cifra richiesta e raggiunto il primo goal, e mancano ancora una decina di giorni alla fine della campagna. Come vi sentite?
C: Siamo davvero felici delle riuscita del Kickstarter. I fondi che abbiamo ricevuto ci aiuteranno ad andare molto lontano e ci rassicurano sul fatto che Ray’s The Dead sar・il gioco che abbiamo avuto in mente per tanto tempo!

F: Vorresti dire qualcosa a chi già vi segue o a chi ancora non conosce il vostro progetto?
C: A coloro che già conosco Ray’s The Dead e hanno supportato il nostro progetto, grazie mille! A coloro che ancora non lo conoscono, speriamo che andrete a darci un’occhiata! Abbiamo realizzato che Ray’s The Dead è un gioco inusuale e francamente è difficile spiegarlo in modo appropriato, e anche se questo può essere un problema, ne siamo fieri perchè indica che stiamo facendo qualcosa di davvero unico. Perciò se siete il tipo di persona che brama esperienze uniche, pensiamo davvero che valga la pena di dare un’occhiata a Ray’s The Dead. Ci stiamo mettendo dentro tutto quel che abbiamo per fare in modo di darvi il meglio possibile.

English interview

Federica: It’s cute that a zombie was the main character who has to sove puzzles and reveal the mistery of himself, without clear purpose of kill humans. How did you have the idea? In game the Ray’s non-life as zombie and his life before death will alternate. They will be playable both?
Chris Cobb: Ray’s the Dead is the result of a lot of different ideas that we have had coming together over a number of years. The core of the idea came from my time spent working on a game called Stubbs the Zombie. Stubbs was the first game I’m aware of with a zombie protagonist. We knew that we wanted the game to have a strong story, and to focus on Ray. We thought the story would be more interesting if it also focused on Ray’s past as a human as well. The more we worked on that concept the bigger part of the game it became. To the point that the story of Ray’s past is just as important a part of the game as the present day story of Ray as a zombie. We think its a really interesting story telling mechanic.

F: As zombie, Ray will have the power to control other zombies. Could you talk about them? What will be their features and abilities?
C: We have 5 different types of zombies planned. Each type of zombie has a unique combat style, as well as a special environmental traversal ability that is useful for solving puzzles, and getting the zombie army out of tricky situations. For example, we have a Dog-Type zombie that is the fastest zombie type. It can dodge bullets and run so fast that it stuns most enemies it comes in contact with. The downside is its strength. It doesn’t do much damage, so you usually need to use a combination of the dog for stunning, and follow it up with another zombie type that can finish the enemy off. The Dog-type also has an ability where it can expose hidden things throughout the level. It can find secret paths, it can sniff out buried corpses that you can resurrect to make more zombies. It can also sniff out enemies that might be hiding and waiting to ambush you. Each of the 5 zombie types are totally different from each other. It is worth noting that while there are 5 totally unique types of zombies, within those types there will be lots of varying visual representation. So you won’t be seeing too many totally identical looking zombies!

F: What important news this comeback to Kickstarter entail?
C: We have a pair of important news items accompanying this Kickstarter. The first is the focus on the dual narrative story. We had previously revealed that you could play as both Ray the Zombie as well as Ray the Human, but we hadn’t shown any of it. We are now showing it, and have made this the primary focus of the game. The second piece of news is the announcement that Ray’s the Dead will also be coming to the PlayStation Vita!

F: You have already overtook amount requested and reached the first goal. How do you feel about this success?
C: We are very happy with the outcome of the Kickstarter. The funds we received will go a very long way to helping us ensure that Ray’s the Dead will be the game we have imagined in our heads for so long!

F: Would you like to say something to your followers or to the ones who doesn’t know your project?
C: To those of you that know of Ray’s the Dead, and have supported our project, thank you very much! To those of you that aren’t familiar with Ray’s the dead, we hope you’ll give it a look! We have come to realize that Ray’s the Dead is a very unusual game and frankly its a difficult game to properly explain. While on one hand it being difficult to explain is a problem, but on the other hand its something we are really proud of. Its an indication that we are doing something truly unique. So if you are the type that craves unique experiences, we really think Ray’s the Dead is worth a look. We are putting everything we’ve got into it, to make it the best it can be.


About the Author

La Redazione

Pixel Flood è una giovane realtà italiana impegnata nel settore videoludico. Siamo una redazione sempre in crescita, che si occupa principalmente di videogiochi (ma senza disdegnare boardgame e giochi di ruolo) con una particolare attenzione al panorama indie italiano. Crediamo che il valore di un gioco non debba essere espresso da numeri inflazionati: per questo nelle nostre recensioni diamo medaglie e non voti.