Driveclub: presentazione al Rossocorsa

0
Posted 18/09/2014 by La Redazione in Eventi
Driveclub

Il 17 Settembre si è tenuto al Rossocorsa di Milano, concessionario ufficiale Ferrari e Maserati, l’evento di lancio del racing game per PS4: Driveclub. Protagonista dell’evento il Game Director di Evolution Studios Paul Rustchynsky e Federica Pellegrini, partner italiana di Sony Computer Entertainment.

Driveclub, in uscita l’8 ottobre, viene presentato come un Social Racing Game: il focus del gioco è infatti il comparto multiplayer, che non si baserà più su partite singole e matchmaking, ma su eventi organizzati a cui i giocatori possono iscriversi per gareggiare. L’aspetto social è rappresentato dai Club, gruppi di giocatori che si uniscono sotto uno stesso stemma per partecipare alle gare e, collaborando insieme, possono sbloccare nuove automobili, disponibili a tutti i membri al suo interno.

Tra gli aspetti interessanti c’è anche quello di non far diventare la gara una “corsa fine a se stessa”, dove un giocatore arriva primo e gli altri a seguire, ma di fornire ai partecipanti anche delle sfide secondarie, in modo da poter puntare ad un obiettivo e alla sua ricompensa, anche se ad esempio si è l’ultimo giocatore e la gara è ormai persa. Oltre alla modalità di gioco online, anche il single player non delude le aspettative del giocatore, grazie alla possibilità di affrontare percorsi in Canada, Cile, Norvegia, Scozia, India e di guadagnare nuove vetture da utilizzare.

È importante sottolineare che l’8 ottobre, solo per gli abbonati PlayStation Plus, sarà possibile ricevere una copia del gioco gratuitamente, in aggiunta al parco titoli della Instant Game Collection del mese. Chiunque scaricherà il titolo dallo store di PlayStation, inoltre, godrà di alcuni benefici non indifferenti come undici piste aggiuntive e dieci automobili in più rispetto alla versione standard.

Chiara CircleChiara: La conferenza è stata ben gestita nel complesso, visto che lo spazio messo a disposizione da Rossocorsa era adatto agli scopi dell’evento: spazioso, luminoso e sopratutto con il giusto numero di postazioni per provare il titolo. Ad accoglierci abbiamo trovato una Ferrari fiammante e una Maserati sfavillante a fare da cornice ad una presentazione completa ed esauriente del Game Director Rustchynsky. L’unica mia perplessità riguarda la presenza di una poco reattiva Federica Pellegrini, che oltre a parlare delle sue attività sportive e del “gioco di squadra” (nel nuoto?!) non sembra aver apportato niente ad una presentazione di un gioco di corse. Comprendo perfettamente la manovra di marketing dietro la quale la famosa nuotatrice contribuirà a dare visibilità a Driveclub, anche se avrei visto più in linea con il prodotto la presenza di una figura relazionata al mondo dei motori. Concludendo, l’evento è stato formativo e ci ha permesso di mettere mano su un racing game dalla grafica accattivante che, purtroppo a mio parere, non si discosta di troppo dagli altri titoli dello stesso genere.

RugerfredRuger: Nel complesso è stato un buon evento. Paul Rustchynsky ha spiegato in modo chiaro e conciso i punti chiave di Driveclub, la location era assolutamente in linea con il prodotto e le postazioni per provarlo erano numerose e funzionali, quattro delle quali al posto dei controller PS4 erano equipaggiate con sedile, volante e pedali, per una prova a tutto tondo. La cosa che mi ha convinto di meno forse è stata proprio la talk centrale, incentrata su quella che viene definita la Team Generation, con Federica Pellegrini. Si è parlato tanto di gioco di squadra, di condivisione e di social network, ma stiamo pur sempre parlando di un attività che si pratica da soli: la guida. È pur vero che la condivisione delle ricompense sarà condivisa all’interno del Club d’appartenenza e che sarà presente una sorta di car sharing virtuale, ma alla fine siamo noi a calcare il pedale dell’acceleratore in pista.


About the Author

La Redazione

Pixel Flood è una giovane realtà italiana impegnata nel settore videoludico. Siamo una redazione sempre in crescita, che si occupa principalmente di videogiochi (ma senza disdegnare boardgame e giochi di ruolo) con una particolare attenzione al panorama indie italiano. Crediamo che il valore di un gioco non debba essere espresso da numeri inflazionati: per questo nelle nostre recensioni diamo medaglie e non voti.