Kona – L’inverno in early access

0
Posted 07/04/2016 by RickyAll in Anteprime

Ah, gli early access, croce e delizia dei videogiocatori PC. Nel variegato mondo dell’accesso anticipato non si può mai predire nulla: è possibile trovare dei piccoli gioielli che non è possibile comprendere perché non abbiano più successo di quanto effettivamente ne hanno ed è possibile tirar fuori anche… i simulatori di pane in cassetta, di capre, dei pompieri ed anche giochi di simulazione delle passeggiate solari che gli sviluppatori di questi “fantastici titoli” dovrebbero fare una volta nella vita.

Tralasciando il mio personale astio per i simulatori di qualsiasi cosa, ogni tanto dal cilindro degli early access si può tirar fuori qualcosa di buono. Kona, titolo di debutto della casa di sviluppo canadese Parabole, rispecchia appieno questa descrizione.

Non smetterò di ripeterlo: l'ambientazione è realizzata divinamente.

Non smetterò di ripeterlo: l’ambientazione è realizzata divinamente.

Il titolo ci getta immediatamente nelle foreste del Canada, nei panni dell’investigatore privato Carl Faubert, chiamato da un ricco magnate stanziatosi nella zona. L’introduzione al gioco viene effettuata attraverso una una voce narrante – la quale ci accompagnerà per tutto il gioco – che ci racconterà in maniera rapida e senza troppi fronzoli il background del nostro alter ego.

Sin dal primo minuto di gioco Kona comunica l’essenza del titolo: cercare soluzioni. Il giocatore che si appresta a provare questo titolo si troverà spesso e volentieri davanti a continui ostacoli – da un cancello sbarrato all’assenza di corrente elettrica in una stazione di rifornimento – che dovranno essere affrontati in maniera creativa, cioè attraverso l’uso mirato di oggetti sparsi per tutto il mondo di gioco. Ciò ovviamente spinge il giocatore all’esplorazione della vasta mappa che Kona offre, che è probabilmente l’elemento cardine di questo titolo: le ambientazioni tormentate da una tempesta di neve combinati alla completa assenza di qualsivoglia essere umano nei pressi di Atamipek Lake donano a Kona un’atmosfera spettrale, instillando nel giocatore un vero e proprio senso di inquietudine.

Nulla sembrerà avere senso.

Nulla sembrerà avere senso.

In aggiunta alle meccaniche spiccatamente esplorative – che premiano il giocatore anche nel caso in cui rivisiti posti precedentemente attraversati, peculiarità che spesso è inesistente in parecchi giochi – sono implementati nel titolo degli elementi squisitamente survival come la gestione della temperatura corporea e dello stress, i quali riescono perfettamente a condire ulteriormente l’esperienza di gioco surreale che Kona comunica al videogiocatore. Oltre al freddo, è infatti possibile incontrare animali selvatici che saranno ben felici di sbranare il protagonista, se li affronterà senza prima aver trovato un’arma.

Prima di fiondarvi all’acquisto di questo promettente titolo, mi sento in dovere di informarvi che non è adatto a tutti i tipi di videogiocatori. Non sono infatti presenti parecchi elementi a cui i giochi degli ultimi anni ci hanno abituato: nessuna minimappa, nessun indicatore che ci diriga verso il vostro obiettivo. Sarete armati solo della vostra intuizione. La linea che separa la piacevole sensazione della scoperta e la frustrazione che deriva dal non capire esattamente cosa fare molto sottile e soggettiva. In parole povere: non è adatto a tutti.

Ma ciao bel cagnolino.

Ma ciao, bel cagnolino.

Ovviamente, come per ogni early access, il gioco è in continuo mutamento, parecchi elementi verranno probabilmente rivisti prima della pubblicazione della versione definitiva, basandosi anche sul feedback dei giocatori. Gli sviluppatori si stanno comportando in maniera ineccepibile in questo senso, annunciando e rilasciando update frequenti alla loro creatura.

A conclusione di questa rapida prima occhiata al gioco dei Parabole, non posso far molto altro se non consigliarlo caldamente a tutti coloro che adorano il senso di inquietudine che questa ambientazione innevata sa comunicare – una sensazione del genere l’ho provata girovagando per la zona contaminata di Fallout 3, per darvi un’idea di cosa sto parlando – e a tutti gli appassionati di vecchia data dei giochi adventure.

Kona è acquistabile in accesso anticipato sia sul negozio di Steam che su quello di GOG.com per Windows, Mac e Linux al costo di 9,99 € sulla piattaforma Valve, 12,59 € sul sito gestito da CD Projekt.


About the Author

RickyAll

Al secolo Riccardo Allegretti (no, il mio nickname non significa Riccardo Tutto e sì, sono una persona molto fantasiosa). Videogiocatore quasi a 360 gradi, recensore a 720, persona a 1080p. Come avrete notato, ho molti talenti, ma non la simpatia. RPG Master Race!