The Swindle: un, due, tre… stella!

0
Posted 19/10/2015 by in Mac

Piattaforma: , , , , , ,
 
Software House:
 
Genere:
 
PEGI:
 

YOH-OH!:

Rigiocabilità elevatissima. Un gran numero di power up e strumenti. Grafica splendida.
 

ARR!:

Spesso frustrante. A volte i comandi non reagiscono bene. Nemici posizionati senza alcun senso.
 
by Tracotanza
Recensione

1, 2, 3, stella, ti muovi e sei perduto,
comincia da capo, chi ha avuto ha avuto.

Dannazione! Scotland Yard presto attiverà una nuovissima intelligenza artificiale che si occuperà della sicurezza della città. Se questo programma, chiamato “Devil’s Basilisk“, dovesse essere attivato, la carriera di qualsiasi borseggiatore, criminale, truffatore o rapinatore è destinata a fallire. Bisogna impedirlo, quindi è nostro compito andare a rubare questo sofisticatissimo software prima della sua attivazione. Abbiamo 100 giorni di tempo. Ovviamente non possiamo pensare di andare a fare un colpo a Scotland Yard con la poca attrezzatura che abbiamo, quindi è bene cominciare con qualche colpo più semplice, passando dai bassifondi ai quartieri sempre più ricchi e protetti fino a giungere alla sede della polizia.

Con The Swindle ci troviamo di fronte ad uno stealth 2D dalle tinte steampunk, vi ritroverete ad affrontare una serie di livelli generati randomicamente dove dovrete cercare di rubare quanta più pecunia possibile senza farvi vedere da un infinità di nemici diversi che cercheranno di farvi la pelle.
Questi soldi, una volta raccolti, potranno essere spesi in potenziamenti nel vostro dirigibile su cui potrete fare ritorno dopo ogni colpo. Il numero di potenziamenti è davvero grande e tutti sembrano essere ben pensati per essere decisamente utili. Si comincia sbloccando la possibilità di hackerare i computer presenti in ogni livello (computer che diventeranno presto la fonte principale di guadagno) per poi dilettarsi a investire su un gran numero di altre cose, dal doppio salto all’abilità di restare appesi ai muri, dalle bombe per distruggere le pareti al teletrasporto che vi permetterà di oltrepassarli, dalla cortina che vi renderà invisibile per qualche secondo fino a giungere alla capacità di rivoltare le telecamere di sicurezza contro i nemici.

È sempre un ottimo momento per un po' di esplosioni.

È sempre un ottimo momento per un po’ di esplosioni.

Fra i potenziamenti, quello fondamentale è quello che ci permette di accedere ad aree di difficoltà più elevata, sarà proprio questo a permetterci di raggiungere Scotland Yard per il nostro colpo finale. Ogni colpo che effettueremo porterà via un giorno e noi avremo a disposizione solamente 100 giorni per raggiungere il nostro obiettivo e mettere le mani sul Devil’s Basilisk. Sarà quindi necessario ponderare al meglio le nostre scelte e soprattutto evitare di fare finire i nostri colpi con niente di guadagnato.
Ogni volta che il nostro personaggio morirà, verrà rimpiazzato da un altro generato anch’esso randomicamente, il cambio è solamente estetico dato che manterrà le abilità del suo predecessore. Il problema principale è, però, che avremo sprecato un giorno senza guadagnare nulla e quando questo si ripeterà più volte, potrete dire addio a qualsiasi possibilità di portare a termine la vostra missione. E, credetemi, vi capiterà davvero spesso di fallire.

E questa volta si torna a casa vittoriosi.

E questa volta si torna a casa vittoriosi.

The Swindle è difficile. Dopo che sarete stati scoperti avrete ancora la possibilità di fuggire ma basterà un colpo da qualsiasi arnese messo a fare da guardia e il vostro ladro finirà all’altro mondo. E gli aggeggi che faranno da guardia ai vari malloppi saranno veramente tanti. Robottini con il manganello, per cominciare, poi telecamere, strani falchi che vi cercheranno volando, bot molleggiati che vi salteranno in faccia per poi esplodere, torrette gatling volanti. Senza tener conto delle mine da disattivare e i salti da fare cercando di evitare spine e baratri.

In questa difficoltà si nota il primo problema di The Swindle, cominciando dal fatto che spesso fallirete semplicemente perché il tasto di salto non reagisce bene al vostro tocco o perché un tasto direzionale ha deciso che non avete premuto abbastanza forte da essere percepito. Altre volte fallirete perché la distribuzione casuale dei nemici creerà delle aree praticamente impossibili da superare. E sebbene tutto questo sia comunque superabile, resta il grosso problema della frustrazione che potrà procurarvi, la dannata frustrazione che mi ha ricordato i tempi in cui si giocava con gli amichetti a “un, due, tre… stella”.

Mi hanno scoperto e ho provato a fuggire, potete vedere il cadavere su quelle spine.

Mi hanno scoperto e ho provato a fuggire, potete vedere il cadavere su quelle spine.

Sei ad un passo dal gridare “stella” e toccare il muro, hai superato un sacco di colpi con successo e ti mancano 10 giorni per portare a termine la tua missione. Proprio mentre stai per battere la mano sul muro, ecco che il tuo amichetto ti vede muoverti, i colpi cominciano ad andare male e quindi dovrai ricominciare tutto da capo. Se volete riprovare la triste frustrazione del vecchio gioco che facevate con i vostri compagnetti, beh, avete capito dove spendere i vostri soldi.

Parlando del reparto grafico, ci troviamo di fronte ad un lavoro davvero di eccellenza, lo stile è eccezionale, i modelli e i personaggi sono tutti incredibilmente gradevoli, gli ambienti sono straordinariamente belli da percorrere, il che è stupefacente considerata la natura randomica di questi. Certe volte, però, lo stile grafico, seppur splendido, con qualche ombra di troppo o qualche luce troppo accesa vi farà perdere la visuale sui nemici, facendovi finire inevitabilmente a terra per l’ennesima volta.

Tom Cruise chi?

Tom Cruise chi?

Se riuscite a fare i conti con la sua difficoltà elevata e qualche difettuccio, The Swindle rimane veramente un bel gioco, i ragazzi di Size Five Games hanno confezionato un prodotto con delle azioni stealth che devono essere ben ragionate, così come la progressione del vostro personaggio. A questo aggiungete un’elevata rigiocabilità, uno stile artistico eccezionale e un’infinità di possibilità che vengono lasciate al giocatore per affrontare ogni livello, sbloccando nuove opzioni, nemici e sfide. Se amate nascondervi dai nemici e attendere il momento giusto per intrufolarvi nel database di una banca, beh, non dovete fare altro che infilare 15€ nel vostro lettore CD e attendere che finiscano nella pancia di Papà Gaben o girarli sugli store di Sony in crossbuy PS4/PS3/PSVita, Xbox One o Wii U.

Premi: grafica oro, gameplay argento, ambientazione bronzo


About the Author

Tracotanza
Tracotanza

All'anagrafe Salvatore Martino, ma a differenza da quanto dice il suo nome non ha mai salvato nessuno. Appassionato di videogiochi da quando ha imparato a pigiare col ditino per accendere il computer. Era disperso in un mare di Pixel ed è stato raccolto dalla ciurma per scrivere storie sul suo naufragio nel mondo videoludico