The Legend of Legacy – Il raduno degli avventurieri

0
Posted 18/02/2016 by in 3DS

Piattaforma:
 
Software House: , , ,
 
Genere:
 
PEGI:
 
by LoCharmone
Recensione

L’isola di Avalon, emersa una decina di anni fa: è questo il luogo in cui si svolgono le avventure di The Legend of Legacy, un nuovo RPG targato FuRyu uscito di recente su Nintendo 3DS. Un posto remoto nei mari del nord, dove si dice che uomini e divinità coesistessero in armonia. La sua ricomparsa ha toccato l’interesse di molti esploratori da tutto il mondo, riunitisi in questo grande continente ricco di ruderi di ogni tipo. Tra questi esploratori figurano sette eroi, nei quali ci potremo impersonificare. All’inizio del gioco ne potremo scegliere uno, che determinerà altri due compagni. Più avanti potremo reclutare anche i quattro mancanti. Ognuno dei personaggi ha un motivo preciso che lo ha spinto nel suo viaggio per Avalon, una sua storia. Il cast in questione è composto da Meurs, che ha l’innata capacità di comunicare con gli spiriti degli elementi, Bianca, una ragazza vittima dall’amnesia in viaggio per recuperare la memoria, Liber, un agile cacciatore di tesori e gentiluomo, Garnet, una templare leale alla sua terra e alla Chiesa, Owen, mercenario ed abile combattente, il tank del gruppo, Eloise, ragazza seducente in cerca del segreto per l’eterna giovinezza e Filmia, un principe ranocchio.

The Legend of Legacy

Questa è la schermata di selezione del personaggio. È qui che decideremo quale dei sette eroi impersoneremo.

Avalon non è stata scoperta da molti anni, ma ha già una solida base per gli esploratori, un vero e proprio paesino marittimo, detto Initium. Impressionante come in così poco tempo si sia stabilita la civiltà, se poi pensiamo alla Salerno-Reggio Calabria. Sul punto più alto di Initium si erge la reggia del Re degli Esploratori, il primo a scoprire Avalon. E’ lui che ha deciso di radunare tutti gli esploratori nella speranza di scoprire tutti i segreti di questa terra, legati soprattutto agli Elementali. La nostra prima esplorazione ci porterà alle Forest Ruins, i ruderi più vicini alla civiltà. Lì incontreremo una roccia in grado di cantare. Dopo aver sentito il suo canto ed aver raccontato al Re degli Esploratori cos’è accaduto, avrà inizio la nostra avventura. Queste pietre sono diffuse in tutta Avalon, ed ascoltando il loro canto otterremo delle Singing Shard o Whispering Shard. Le prime permetteranno di richiamare il potere degli elementi, mentre le altre ci permetteranno di utilizzare incantesimi legati ai vari elementi, una volta richiamati. In giro per Avalon troveremo torri e strutture in grado di reagire alle Singing Shard, permettendo di amplificare un elemento in un’area circostante o influire sull’ambiente circostante. Per esempio amplificando il potere dell’Acqua on laghetto vicino si potrebbe congelare, permettendone l’attraversamento. L’esplorazione è un elemento fondamentale di The Legend of Legacy. Per visitare le varie aree ci servirà una mappa, che possiamo comprare o ottenere sbloccando la zona in questione. Le mappe vanno completate passo passo, per fare un esempio in un titolo piuttosto recente, come in Bravely Default. Più zone della mappa vengono completate, più il valore della mappa sale secondo un valore da una a cinque stelle. A seconda del numero di stelle potremo vendere la mappa ad un prezzo più alto. Questo non serve solo ad arricchirci, ma anche a sbloccare nuove zone da esplorare, nuovi oggetti acquistabili o trovare vari esploratori rivisitando le aree, che potranno fornirci informazioni di vario genere o permetterci di riprendere le forze in maniera del tutto gratuita. Parte odiosa dell’esplorazione, d’altro canto, sono gli incontri casuali, in quanto i mostri saranno presenti sulla mappa e non molleranno facilmente l’inseguimento. Non solo quello, se troviamo qualche mostro troppo potente per noi, la fuga ci riporterà all’inizio dell’area. Fortunatamente, le modifiche alla mappa, le strutture attivate ecc. rimarranno nonostante il passo indietro e, se talvolta spiace doversi rifare un’area da capo, dall’altra parte facilita il ritorno in patria, unico posto in cui si può salvare senza salvataggi rapidi.

The Legend of Legacy

Lo schermo inferiore ci mostrerà la mappa della zona che stiamo esplorando, in continuo aggiornamento con la nostra esplorazione.

Il sistema di battaglie è strutturato a turni, prima dei quali potremo decidere la formazione dei personaggi. Ci sono tre fasi di base, con varie sotto-fasi: Attack, Guard e Support. La prima determina la nostra forza, la seconda si basa sulla difesa, mentre l’ultima si riflette su velocità, cura e quant’altro. Caratteristica chiave di questo gioco è la mancanza di livelli e punti esperienza: le statistiche cresceranno in maniera totalmente casuale al termine delle battaglie. Attack, Guard e Support saliranno di livello in base a quali vengono usate (per esempio, se un nostro personaggio finisce uno scontro in fase Support, l’omonima statistica potrebbe salire di livello). Allo stesso modo, anche le tecniche sono divise negli stessi tre livelli, ma questi saliranno durante la battaglia invece che dopo, a seconda di quanto le useremo. È ovviamente meglio far crescere le tecniche difensive in una fase di Guard, come gran parte delle magie in Support. Questo ovviamente rende il grinding molto casuale, non essendo sempre sicuri di quando potenzieremo statistiche e tecniche, possono volerci una battaglia come dieci.

The Legend of Legacy

Liber ha appena appreso una nuova tecnica con l’arco. Ogni personaggio può usare ogni tipo di arma o magia, mantenendo però alcune preferenze.

L’apprendimento di nuove tecniche, sempre legato all’arma utilizzata, può avvenire al posto del potenziamento di essa. La prima volta che sfrutteremo questa nuova tecnica non dovremo pagarne il costo, ma maggior parte di esse costano SP. Le magie funzionano in maniera leggermente diversa: per usare una determinata magia occorrerà tenere equipaggiata la Whispering Shard corrispondente. Esse, come le Singing Shard, contano come accessori e possiamo equipaggiare 2 strumenti di questa categoria alla volta. Se vogliamo utilizzare la tecnica corrispondente, dobbiamo impararla, che corrispondere a farne un primo aumento di livello. E’ qui che la componente casualità entra particolarmente in gioco, considerando che la Singing Shard serve per forza quindi spesso dovremo tenerci una sola magia per volta finché non la si impara. Una volta appresa una magia possiamo selezionarla se abbiamo una Shard (una vale l’altra in questi casi) dell’elemento corrispondente. Ci sono tre elementi: Acqua, Aria e Fuoco. I nemici avranno di base un quarto elemento, Ombra. Ogni area ha una concentrazione diversa di elementi, aumentabile richiamandoli con le rispettive Singing Shard. Ogni magia richiede l’elemento “schierato” dalla nostra parte, quindi se un nemico richiama un elemento noi dovremo soffiarglielo prima di poterlo riutilizzare. A volte risulta disturbante, ma fa parte della componente strategica del gioco. Avere un elemento dalla propria vuol dire ricevere dei vantaggi, per esempio l’Aria a fine turno fa recuperare qualche SP.

The Legend of Legacy si dimostra un simpatico tentativo di rivoluzionare la classica formula di JRPG, sebbene facendo qualche passo di troppo non è detto che le cose migliorino, specie se ci si riflette in elementi a base di fortuna. Sarebbe stato apprezzabile almeno un indicatore atto a farci capire l’imminente apprendimento di una nuova abilità o l’avanzamento di livello della stessa. Non sarà un titolo promosso a pieni voti, né probabilmente qualcosa che mi sentirei di consigliare a prezzo pieno, ma una possibilità gliela concederei comunque, specie se cercate qualcosa di non troppo elaborato, ma che possa comunque offrire una sfida.

The Legend of Legacy premi

Perché sì:
Perché no:
  • Abbastanza longevo
  • Personaggi plasmabili a proprio piacere
  • Battaglie ben strutturate
  • Elevato numero di abilità

 

  • Troppa casualità nel grinding
  • Fuga dalle battaglie compromettente
  • Non particolarmente user-friendly
  • Apprendimento degli incantesimi pesante

Se anche voi avete voglia di Jrpg potete trovarlo qui 

The Legend of Legacy (Videogioco)


List Price:Price Not Listed
New From:0 Out of Stock
Used from:EUR 42,99 In Stock


About the Author

LoCharmone
LoCharmone

Comincia la sua avventura videoludica su Game Boy Advance, grazie a Pokémon Rosso Fuoco. Si espande al resto del mondo videoludico Nintendo grazie a Zelda e da allora non ha mai abbandonato tale corrente. Tra le sue saghe preferite figurano The Legend of Zelda, Dragon Quest, Pokémon ed Inazuma Eleven. Il suo gioco preferito è Dragon Quest IX.