Puyo Puyo Tetris – Cronache dal Trono

0
Posted 06/05/2017 by in Switch

Piattaforma:
 
Software House:
 
Genere:
 
PEGI:
 
by Junior
Recensione

Quando venne annunciato Puyo Puyo Tetris per Nintendo Switch capii immediatamente di essere stato chiamato a svolgere una missione da un essere superiore: recensire questo gioco esclusivamente giocandolo sul grande Trono, quel Trono che ognuno possiede a casa e per il quale Switch rappresenta il perfetto complemento d’arredo.
Ho quindi deciso di giocare a questo gioco esclusivamente in determinati frangenti e devo dire subito una cosa: sarà che sono un nostalgico, sarà che è stato il primissimo gioco a cui mio padre mi introdusse da bambino, ma Puyo Puyo Tetris non mi ha fatto rimpiangere i tempi d’oro in cui uno s’imparava a memoria la composizione chimica dello shampoo. Anzi.

Ma io sono daltonico! E allora niente… no sul serio, non c’è un’opzione per sbloccare la modalità colorblind.

Sega, con questo titolo, esce in un periodo ancora molto povero di titoli per la console di mamma Nintendo e quindi ad ottenere un’attenzione che altrimenti, a mio parere, non otterrebbe.
Puyo Puyo Tetris reinventa l’acqua calda, riportando alla luce e cambiando veste grafica a due titoli che sì sono stati colossi nel mondo dei puzzle games ma che, ad essere onesti, sono abbastanza figli del loro tempo.
Nonostante ciò Sega riesce a mixare i due mondi di Tetris offrendoci addirittura una Story Mode degna di questo nome, anche se, probabilmente, sbaglia il target a cui il gioco si rivolge. Per stile grafico e tipologia di testi e dialoghi, infatti, Puyo Puyo Tetris si rivolge palesemente ad un pubblico giovane (o giovanissimo) che ha sentito parlare del gioco nei discorsi di mamma e papà, senza però rendersi conto che la maggior parte degli acquirenti del gioco sono ormai persone adulte. Detto questo, a mio parere, se il target designato per questo gioco potesse giocarci, apprezzerebbe sicuramente il risultato finale, anche probabilmente rimanendo colpito da uno stile di gioco che, al giorno d’oggi, ormai non si vede quasi più (almeno parlando del lato Tetris).

Ci vediamo all’alba, l’arma per il duello la scegli tu.

Puyo Puyo Tetris ci offre moltissime modalità di gioco con cui ci potremo cimentare: si spazia dalla classica Endless Mode, dove andremo a far cadere blocchi o palline fino alla fine dei nostri giorni, fino ad arrivare fino a 5 modalità di gioco completamente incentrate sul multiplayer locale e non. È qui che ho trovato la vera forza del gioco. Questo titolo infatti è palesemente incentrato sull’aspetto multiplayer perché sono proprio le battaglie multiplayer (fino a 4 giocatori) a rappresentare meglio il gioco.
La modalità Versus ci permette di giocare con il nostro puzzle preferito e sfidare gli altri giocatori fino a riempire i loro schermi, quella Fusion invece mischia gli elementi di matching di Puyo Puyo con quello delle forme di Tetris (modalità che vi farà perdere la sanità mentale – consigliatissima); la Swap mode che vi obbligherà a imparare a giocare a tutti e due le tipologie di puzzle, la Party dove vengono aggiunti oggetti che cambiano le regole del gioco e, infine, la modalità Big Bang con schemi pre-costituiti di Tetris da riempire con singoli pezzi da posizionare il più velocemente possibile.
Insomma… ce n’è davvero per tutti i gusti e, soprattutto, per tutti i giocatori visto che, a meno che non piaccia completamente il genere puzzle, Puyo Puyo Tetris offre una miriade di possibilità per potersi seriamente divertire.
State solo attenti al multiplayer online: girano di quei mostri che sembrano essersi risvegliati direttamente dagli anni ’80 e che non hanno mai giocato a nulla se non Tetris. Per Puyo Puyo, invece, la storia è già diversa.

4 giocatori in multiplayer locale. Couch game confirmed!

Data l’estrema accessibilità del titolo e le potenzialità di una console come Nintendo Switch, Puyo Puyo Tetris si presta benissimo per l’intrattenimento “on the go”: ho personalmente giocato per più di 2 ore in treno sfidando la mia compagna di viaggio senza mai sentire la necessità di cambiare gioco, vista la grande possibilità di scelta tra le varie modalità.
Probabilmente i puristi storceranno il naso a vedere il proprio titolo preferito così cambiato ma, a parer mio, la svolta party che Sega è riuscita dare a questo titolo lo mettono veramente come candidato ideale per le serate in compagnia, specialmente con la presenza di non giocatori: “Ma come si gioca?” “Devi completare delle linee con i pezzi che scendono dall’alto”.
Tempo di spiegazione: 5 secondi. Tempo di gioco: fino ad esaurimento batteria!

See you, Game Cowboys!

Party Game

Accessibilità

Cubetti e pallini

Perché sì:
Perché no:
  • Easy to Play
  • Multiplayer locale
  • Molte modalità di gioco

 

  • La riscoperta dell’acqua calda


About the Author

Junior

Wannabe game designer, ha un pallino per il gaming in tutte le sue forme: analogica e digitale. Non volendosi permettere di prediligere una tipologia sull'altra, accumula board games sugli scaffali di casa e video games negli hard disk.