Nioh – Straniero in terra straniera

0
Posted 04/03/2017 by in PlayStation 4

Piattaforma:
 
Software House:
 
Genere: , , ,
 
PEGI:
 
by Cathoderay
Recensione
E ora passiamo alle note veramente dolenti. Pur vantando una direzione artistica di tutto rispetto, in grado di offrire paesaggi meravigliosi e combattimenti all’ultimo sangue, Nioh soffre per le incertezze di un comparto grafico che purtroppo arranca. Nonostante abbia ben tre modalità grafiche – Azione, Cinema, Cinema a frame rate variabile – l’unica opzione decente è l’action mode; questo perché il frame rate del gioco fatica a mantenere le promesse fatte dalle descrizioni delle diverse modalità, specialmente quando sullo schermo il quantitativo di nemici e effetti di luce si fa pesante. Su PS4 PRO le cose vanno un po’ meglio ma non risulta comunque in linea con la qualità tecnica della produzione. Nioh è sicuramente un giocone, e queste incertezze non possono certo portami a sconsigliarvelo, tuttavia una patch dal Team Ninja per sistemare le cose sarebbe gradita, giusto per rendere il loro “simulatore di trita yōkai” molto più godibile per tutti.
In definitiva, un gioco da avere per chi ama le sfide e per chi adora mettersi alla prova; chi ha il crimine facile forse dovrebbe guardare da un altra parte, perché per quanto le bellissime ambientazioni e il combattimento siano affascinanti, proprio come uno dei suoi boss Nioh potrebbe essere davvero poco carino con voi, massacrandovi senza pietà. Ripetutamente.
Pixelflood.it

Appunto…

Pixelflood.it

Perché sì:
Perché no:
  • Scenari meravigliosi
  • Sistema di combattimento profondo e appagante
  • Tantissima varietà

 

  • Frustrante per chi ha poca pazienza
  • Cali di frame rate negli scontri più affollati


About the Author

Cathoderay
Cathoderay

Amante dei fumetti in maniera viscerale, è uno dei "Vecchi" della redazione, molto spesso si ricorda di titoli semi sconosciuti perché ha avuto la sfortuna di provarli quando uscirono, ha scritto qua e la per tanti anni in tanti posti, e internet ne porta una sottile traccia, un filo rosso che denota la sua instabilità mentale.Adora gli ornitorinchi, le lontre i lupi e le volpi, ma fondamentalmente non glielo sentirete mai ammettere, perché è una persona orribile.