Nioh – Straniero in terra straniera

0
Posted 04/03/2017 by in PlayStation 4

Piattaforma:
 
Software House:
 
Genere: , , ,
 
PEGI:
 
by Cathoderay
Recensione
Uno degli elementi più brillanti di Nioh è senza dubbio l’ottimo sistema di progressione del personaggio; massacrando nemici e completando missioni guadagneremo gli Amrita, frammenti spirituali che potremmo investire nel potenziamento delle varie caratteristiche di William, ognuna delle quali influirà su armi e armature equipaggiate; se moriremo prima di aver speso il nostro bottino al santuario lasceremo per terra tutti i nostri averi, protetti dallo spirito che avremo scelto per accompagnarci, ma se veniamo fatti a pezzi prima di averli recuperati possiamo salutare tutto, invocare Odino e ripartire dall’ultimo tempio. Nioh vanta un sistema di skill mutuato dai GDR che permette di sbloccare tecniche speciali con le quali arricchire le nostro combo base, perk passivi e diverse tecniche di contrattacco che possono essere sbloccate ed “equipaggiate” tra le abilità attive delle armi. Per poter accedere a determinati talenti, sarà necessario investire nell’apprendimento dei punti abilità da acquisire sul campo combattendo, o aumentando le statistiche legate a specifici “rami” marziali o con l’utilizzo di oggetti raccolti durante le missioni; aggiungiamoci gli alberi d’abilità Ninja e Magia Onmyo con cui aumentare il nostro arsenale per tenere a bada le orde di mostri che si parano davanti a noi e una spruzzata di gadget elementali e capirete la grande varietà offensiva che potrete scatenare contro i boss di turno.
Pixelflood.it

Un’amena grotta popolata da demoni simpaticissimi.

Il lato ruolistico del gioco è rappresentato, oltre che da statistiche, livelli, e abilità, anche dalla mole esagerata di armi e armature che troverete durante il gioco, roba da passare ore solo per scegliere le equip migliori e come potenziare il tutto, calcolando che il sistema di crafting di gioco vi permette di migliorare ulteriormente il vostro armamentario, benché le cose da questo punto di vista si facciano davvero interessanti solo verso la fine del gioco. Sul fronte della personalizzazione, come non citare gli Spiriti Guardiani, entità mistiche che garantiscono a William bonus in termini di statistiche e di attacchi speciali; riempiendo un apposito indicatore, lo spadaccino potrà attivare la modalità Arma Vivente, una tecnica che consente di evocare e infondere nelle armi equipaggiate il potere dello Spirito Guardiano prescelto. Questa modalità permette di eseguire combo devastanti oltre che molto coreografiche e rende virtualmente invincibili fino all’esaurimento dell’apposita barra, barra che diminuisce drasticamente se subiamo danni: una vera manna dal cielo per i momenti infernali in cui vi troverete spesso durante il gioco.
Pixelflood.it

Kampai!

In ultimo, la sorprendentemente divertente modalità online: benché limitata al rigiocare i livelli già affrontati con degli amici o con perfetti sconosciuti, la modalità cooperativa è molto divertente e vi aiuta ad ammassare Amrita per salire di livello e potervi permettervi delle armature sempre più “cazzute”, ma una mancanza di una modalità PvP vera e propria e la mancaza di chat vocale minano un po’ l’esperienza multiplayer, anche se resta sempre piuttosto divertente, sopratutto da giocare con gli amici.


About the Author

Cathoderay
Cathoderay

Amante dei fumetti in maniera viscerale, è uno dei "Vecchi" della redazione, molto spesso si ricorda di titoli semi sconosciuti perché ha avuto la sfortuna di provarli quando uscirono, ha scritto qua e la per tanti anni in tanti posti, e internet ne porta una sottile traccia, un filo rosso che denota la sua instabilità mentale.Adora gli ornitorinchi, le lontre i lupi e le volpi, ma fondamentalmente non glielo sentirete mai ammettere, perché è una persona orribile.