Nights of Azure 2: Bride of the New Moon – La notte che non vola

0
Posted 18/11/2017 by in PC

Piattaforma: , , ,
 
Software House: ,
 
Genere: ,
 
PEGI:
 
by Ruka
Recensione

Un mondo in cui non sorge il sole è un posto parecchio buio (ma va?), le cui strade sono popolate da creature poco amichevoli, desiderose di banchettare con la carne dei poveri sprovveduti che hanno scelto il momento sbagliato per una passeggiata: una premessa non originalissima ma funzionale, che fa da sfondo alle vicende della giovane Aluche, un’agente al servizio della Curia (un ordine religioso che ha come obiettivo la salvaguardia dell’umanità), incaricata di scortare La Sposa del Tempo, una sorta di sacerdotessa, affinché possa compiersi il sacrificio necessario a sigillare la temibile Moon Queen, lo spaventoso essere colpevole del caos in cui è riversato il mondo.
Qualcosa però va tremendamente storto sin dai primi minuti di gioco, in quanto la nostra prode donzella scopre che la persona da sacrificare è nientepopodimeno che Liliana, una sua cara amica d’infanzia, per la quale nutre qualcosa di più profondo del semplice affetto.
La protagonista decide quindi di ribellarsi alla Curia e di trarre in salvo la persona cara, ma da lì a poco viene attaccata e uccisa proprio dalla Moon Queen: quando però tutto sembra perduto, la pulzella rinasce dalle sue ceneri grazie a un esperimento atto a trasfonderle il sangue della leggendaria mezzodemone Arnice (la protagonista del primo Nights of Azure) e, dotata così di nuova forza, è decisa più che mai a ritrovare la sua amata, nel frattempo scomparsa.

Le scorribande sanno essere caotiche, ma comunque decifrabili.

Appurato che la premessa narrativa ricalca per buona parte i temi del primo capitolo, ereditandone purtroppo anche i clichés, ne risulta che il piatto forte di Nights of Azure 2 è costituito sicuramente dal gameplay: una volta ottenuto l’accesso all’Hotel Eterna, in soldoni la lobby di gioco, si potrà usufruire di diversi servizi come il sempreverde negozio, un ovvio punto di salvataggio e la camera che la protagonista utilizzerà per riposare, facendo però avanzare i giorni a disposizione.
A differenza del titolo precedente infatti, è presente un indicatore delle fasi lunari a rappresentare il tempo limite, espediente che lima di tanto il fattore grinding, costringendo il giocatore a compiere scelte azzardate per non ritrovarsi prematuramente di fronte alla schermata di game over, mentre in cielo troneggia la Luna Nuova.
Per il resto, il gameplay di base è rimasto perlopiù immutato rispetto al capitolo precedente: dalla mappa si sceglie una location e si parte alla volta di stage abbastanza lineari in cui, rispettando un timer, dovremo affrontare ondate di nemici alternando attacchi leggeri e pesanti, occasionalmente intermezzati dall’utilizzo dei Servan (famigli in grado di utilizzare la magia o di tramutarsi in armi), fino ad arrivare al solito boss infarcito di punti salute.

La Luna Nuova è un fenomeno tanto affascinante, quanto pericoloso.

La vera novità di Nights of Azure 2 è rappresentata dal sistema denominato Lily, che ci consentirà di portare un’altra ragazza in missione assieme alla protagonista: potremo così sfruttare attacchi come il Revenge Attack, che si verifica quando una delle due malmena l’aggressore dell’altra, e il Double Attack, che vede le due donzelle attaccare contemporaneamente lo stesso bersaglio, azioni che a furia di ripetersi caricheranno il Double Chase, un potente colpo i cui effetti cambieranno a seconda di chi porteremo con noi.
Come se non bastasse, abusando delle suddette abilità si arriva a utilizzare il Lily Burst, l’attacco più potente a disposizione delle due donzelle, poiché il suo effetto ad area è praticamente in grado di ribaltare le sorti di uno scontro.
Il gameplay insomma si fregia di elementi che, pur non essendo innovativi, risultano inediti per la serie, regalando però una freschezza purtroppo temporanea, in quanto già dopo poche ore malmenare nemici diventa una routine tediosa e inevitabilmente si finisce per cadere nel deleterio loop della ripetitività.

Il gioco in una frase.

Nights of Azure 2: Bride of the New Moon rimedia ai passi falsi compiuti dal suo predecessore attraverso un parziale rework delle meccaniche, andando così a limare quelle imperfezioni che ne minavano la godibilità complessiva.
Nononostante ciò, ancora una volta non è possibile annoverare questa produzione Gust nell’olimpo dei JRPG: una ripetitività che non tarda a manifestarsi, un riciclo generale degli asset e un comparto tecnico piuttosto povero sono elementi che saltano subito all’occhio, non convincendo appieno; orecchiabile invece la colonna sonora, ma di certo non destinata a imperitura memoria.
Consigliato quindi agli amanti del primo capitolo, potrebbe invece essere difficile da digerire per chi cerca un action con tutti i crismi e che preferibilmente dovrebbe mirare altrove, onde non ritrovarsi deluso fin troppo in fretta.

Waifus

Combat system

Perché sì:
Perché no:
  • Divertente per le prime ore…
  • Buona colonna sonora

 

  • …ma stanca in fretta
  • Comparto narrativo scialbo e riciclato
  • Tecnicamente obsoleto

Nights of Azure 2 : Bride Of The New Moon – PlayStation 4 (Videogioco)


List Price:EUR 59,99
New From:EUR 51,99 In Stock
Used from: Out of Stock
Release date October 27, 2017.


About the Author

Ruka

Un weeb che videogioca e scrive. No seriamente, cosa vi aspettavate ?