Lone Wolf: libri game digitali

0
Posted 02/07/2015 by in PC

Piattaforma:
 
Software House:
 
Genere: ,
 
PEGI:
 

YOH-OH!:

Storia avvincente. Combattimenti divertenti. Scelte multiple. Illustrazioni.
 

ARR!:

Non si può giocare senza impegnarsi.
 
by Cathoderay
Recensione

Quando ero piccolino ricordo che passavo molto tempo giocando con i libri di Lupo Solitario presi in biblioteca. Era il mio primo approccio a qualcosa di diverso da Super Mario Bros e avere una possibilità di interagire con una storia scritta mi piaceva tantissimo, era un buon connubio tra un gioco e una storia fantasy, e lo adoravo. Poi i ragazzi di Forge Reply sviluppano un gioco basato su Lupo Solitario diviso in 4 capitoli, per iOS e Android, e in seguito lo portano su PC, in una versione HD che migliora l’ottimo lavoro fatto su portable, e io mi ci chiudo.

pixelflood.it

Inizia l’avventura.

Il gioco si presenta nelle fattezze di un vero e proprio librogame, in puro stile Lone Wolf, con la narrazione che viene affidata ad un  libro digitale animato che ci racconta gli avvenimenti che coinvolgono il nostro protagonista nella missione di liberare Rockstarn dall’invasione di alcuni mostri. Quando il giocatore viene chiamato a fare una scelta, che sia di combattimento o di altro tipo, avremo una pausa nella storia, e ovviamente ogni nostra azione andrà a cambiare il dipanarsi della trama proprio come nei libri cartacei permettendo così un differente approccio alla situazione. Ma non sempre vi è una scelta “giusta” o una “sbagliata”: spesso è solo una scelta diversa, che ci porta in un altro luogo, quindi non preoccupatevi troppo di rimuginare su cosa scegliere, ma usate il cuore, come a 11 anni. Tutto questo ovviamente varia anche a seconda delle abilità che selezionerete per il vostro protagonista all’inizio dell’avventura e di come lo svilupperete, regalando la possibilità di rigiocare il titolo più volte, in modo da sbloccare differenti percorsi e soluzioni diverse alle varie insidie che vi si parano davanti durante il vostro cammino. Joe Dever stesso ha collaborato al progetto scrivendo la trama dell’avventura che si colloca tra il terzo e il quarto libro, e il suo stile si riconosce subito, facendo innamorare sia novizi della serie che gli affezionati che leggono le avventure dell’eroe della spada del sole da anni.

pixelflood.it

Fatti sotto mostro!

Il libro digitale che il gioco ci mette davanti permette un’agevole lettura e grazie alle bellissime illustrazioni non rischia di annoiare mai il giocatore; la traduzione italiana è semplicemente perfetta, così da poter permettere a tutti di potersi godere senza nessun problema la bellezza della trama. Il gioco svela però tutto il suo vero potenziale durante i combattimenti, rivelando la sua natura: da avventura narrativa, Joe Dever’s Lone Wolf si trasforma infatti sotto i vostri occhi, diventando un eccellente RPG a turni, alternando quick time event a combattimenti in tempo reale. Un’ottima trovata, senza dubbio, che spezza il ritmo della narrazione e aggiunge un tocco di azione e adrenalina, ricordandovi più di una volta di non prendere mai sottogamba gli scontri che vi troverete ad affrontare. Si aggiungono poi diversi minigiochi che accompagnano la fase narrativa: dall’ormai famoso sistema di scasso con forcina ad una serie di quick time event per svolgere varie tipologie di azione come scalare un muro, o abbattere una porta.

pixelflood.it

Pronti a menare le mani.

Se proprio dobbiamo trovare un difetto dovete avere voglia di leggere e di dedicarvi al gioco, che male si presta a sessioni brevi e tappabuchi durante i vostri momenti di break. Per il resto mi sento di poterlo consigliare davvero a tutti, essendo forse uno dei titoli più particolari e belli che ho avuto la possibilità di giocare negli ultimi mesi. Potete trovarlo su Steam a 14,99 €.

lonewolf_premi


About the Author

Cathoderay
Cathoderay

Amante dei fumetti in maniera viscerale, è uno dei "Vecchi" della redazione, molto spesso si ricorda di titoli semi sconosciuti perché ha avuto la sfortuna di provarli quando uscirono, ha scritto qua e la per tanti anni in tanti posti, e internet ne porta una sottile traccia, un filo rosso che denota la sua instabilità mentale.Adora gli ornitorinchi, le lontre i lupi e le volpi, ma fondamentalmente non glielo sentirete mai ammettere, perché è una persona orribile.