Kirby’s Blowout Blast – Tanti auguri Kirby!

0
Posted 17/07/2017 by in 3DS

Piattaforma:
 
Software House:
 
Genere: ,
 
PEGI:
 
by Edoardo Fusco
Recensione

Per festeggiare il venticinquesimo anniversario di Kirby (la cui prima apparizione è riconducibile a Kirby’s Dreamland, su GameBoy) Nintendo ha deciso di “regalare” alcuni nuovi titoli ai fan della serie. Dopo Team Kirby Clash Deluxe, free to play ispirato a una delle modalità di Triple Deluxe, ecco un’altra esclusiva 3DS in digitale, questa volta recuperabile per appena qualche euro dall’eShop.

Riconoscete queste due pallette con mani, gambe e occhioni? No?

Kirby’s Blowout Blast è un gioco ancora diverso dalle ultime due apparizioni principali sul portatile Nintendo: non si tratta infatti di un platform bidimensionale come il succitato Triple Deluxe o il più recente Kirby Robobot, bensì di un “esperimento” che mi ha ricordato quanto fatto con Captain Toad Treasure Tracker.
Come lo spin-off tratto da Super Mario 3D World, infatti, questo nuovo gioco della mascotte rosa Nintendo è costituito da una raccolta di livelli brevi in cui puzzle e platform si mischiano.
E, proprio come in Captain Toad, ci troveremo a dover risolvere scenari divertenti dai molteplici i obiettivi (quattro) per considerarli davvero conclusi.

Più Kirby è ciccione e più nemici sarà in grado di colpire con un solo “sputo”, generando combo migliori.

I 23 livelli principali che compongono il gioco vi vedranno affrontare orde di nemici in “arene” da attraversare saltando, correndo e soprattutto risucchiando i vostri avversari, come di consueto. Ma, a differenza del solito, questa volta sarà fondamentale decidere come utilizzare i prelibati bocconi che gonfieranno il nostro morbidoso alter ego. Perché se all’inizio sarà ininfluente se ingoiarli o usarli come proiettili, dopo i primi due mondi “di rodaggio” dovremo fare tesoro di ogni nemico e capire quali combo effettuare o quali nemici sputare. E sarà proprio questa componente puzzle a determinare o meno il nostro successo: i quattro obiettivi da raggiungere alla fine di ogni livello sono infatti la velocità di esecuzione, la raccolta di tutte le monete sparse per il livello, l’uccisione di tutti i mostri e il raggiungimento della fine del livello senza subire danni. Una volta ottenuto almeno l’oro in tutti i livelli di un mondo ne verrà sbloccata la versione -X, con gli stessi livelli ma a difficoltà superiore.

Le monete saranno uno degli obiettivi da tenere sempre sott’occhio durante l’esplorazione: perderne alcune a volte sarà molto frustrante.

E una volta sconfitto King Dedede (no, non fate quella faccia: chi pensavate fosse il boss finale?) e superati anche i 5 livelli -X del quinto mondo, sarà possibile affrontare un mondo speciale finale, per un totale di circa 60 livelli: tutti di dimensioni ridotte e velocissimi, ma proprio per questo divertenti e azzeccatissimi in un gioco per 3DS; non solo si prestano benissimo alla fruizione portatile, ma anche in caso di trial and error durante la ricerca dell’oro non sarà mai frustrante rifare l’ultimo segmento affrontato o cercare di sconfiggere di nuovo lo stesso boss. Come anche la serie di BoxBoy, quest’ultima fatica degli Hal Laboratories fa del level design il suo punto di forza: sarà quasi impossibile recuperare la tanto agognata medaglia d’oro senza “studiare” davvero i pattern dei nemici per eseguire una combo in grado di spazzare via dieci nemici alla volta e superare una determinata sezione del livello.
Proprio in virtù di tale velocità di esecuzione e del divertimento che sa fornire, non possiamo che consigliare Blowout Blast a tutti i fan della pallina rosa Nintendo, a tutti coloro che hanno già esaurito i titoli divertenti e leggeri che il 3DS offre, e a tutti coloro che amano i giochi dalla natura ibrida ma dalla forte personalità. Non il solito platform, insomma!

Gameplay

Atmosfera

Perché sì:
Perché no:
  • Veloce e divertente
  • Approfondibile

 

  • Leggerino
  • Breve


About the Author

Edoardo Fusco

Gamer da quando aveva 6 anni, si guadagna da vivere lavorando nel campo della localizzazione, anche di titoli a tripla A. Scrive e si occupa del medium videoludico da sempre, e i suoi generi preferiti sono gli rpg, le avventure e tutti quelli in cui la narrazione la fa da padrona.