Hyperdimension Neptunia U: Action Unleashed – Fanservice, mazzate ed altro fanservice

0
Posted 06/04/2016 by in PC

Piattaforma: ,
 
Software House:
 
Genere: ,
 
PEGI:
 
by Ruka
Recensione

Come ogni saga che si rispetti, o quasi, anche Neptunia non poteva evitare di includere qualche spinoff tra le proprie fila e così, abbandonando del tutto ogni velleità JRPGistica ed abbracciando le consolidate meccaniche di un qualsiasi Senran Kagura dopo il Burst, ecco approdare su PC Hyperdimension Neptunia U: Action Unleashed, titolo partorito proprio da quei Tamsoft che tanto si son fatti conoscere grazie alla serie dedicata alle pettorute shinobi.
Il marchio di fabbrica di questi sviluppatori d’altronde è perfettamente riconoscibile anche nella produzione targata Idea Factory e si riscontra in gran parte delle meccaniche che compongono il gameplay, ma andiamo con ordine.

Un bel giorno Dengekiko e Famitsu, personificazioni delle omonime testate giornalistiche nipponiche, decidono di scrivere uno speciale sulle CPU di Gamindustri, trovando pretesto per farlo nell’assegnazione di quest alle divinità protagoniste della saga, in modo che queste ultime abbiano la possibilità di mettersi in mostra.
Oltre a ciò, c’è davvero poco da dire, in quanto da una premessa narrativa striminzita ne scaturisce un prosieguo altrettanto banale, il quale per tenersi a galla non può far altro che appoggiarsi ai consueti dialoghi ricchi di citazioni videoludiche e non, battute dal gusto spiccatamente nipponico ed immancabili rotture della quarta parete, ormai una costante nei titoli con Neptune protagonista.

"JAAAAMPU" cit.

JAAAAMPU” (cit.)

Appurato che il comparto narrativo non può certo dirsi la colonna portante dell’esperienza, ad ovviare a certe mancanze ci pensa il gameplay, che pare preso di peso da altri titoli dello stesso sviluppatore (provate ad indovinare quali…), riuscendo comunque a divertire. Per tutta la durata del gioco ci si ritroverà a seguire un unico tran-tran: scegliere una fra le tante quest disponibili, selezionare uno o due personaggi da mandare in battaglia ed iniziare a mazzuolare le centinaia di malcapitati che cercheranno di ostacolare il giocatore. C’è da dire che gli obiettivi delle missioni sono ben diversificati e sebbene la solfa sia sempre quella di falciare le orde di nemici, tale piccola forma di varietà aiuta a ritardare il senso di ripetitività che presto o tardi si farà comunque sentire.
Parlando delle protagoniste, pad alla mano ognuna di esse regala un feeling differente e risulta divertente da utilizzare, anche se a conti fatti il sistema di combattimento si riduce ad eseguire qualche attacco standard per caricare un’apposita barra, a spammare qualche abilità specifica tanto per gradire ed infine a entrare in modalità HDD per poi tirare mazzate allucinanti al punto che viene spontaneo chiedersi se sia mai stato svolto un lavoro di bilanciamento durante la fase di sviluppo.

Le bestiole troppo cresciute non sono un problema per Vert.

Le bestiole troppo cresciute non sono un problema per Vert.

Come in Senran Kagura anche qui le nostre beniamine tenderanno a svestirsi se danneggiate e ciò accadrà abbastanza spesso, visto l’immane danno inflitto dagli avversari raggruppati. Per evitare quindi di subire linciaggi è presente un vero e proprio sistema di equipaggiamento, i cui pezzi andranno acquisiti raccogliendo le medaglie lasciate cadere dai nemici sconfitti, e che, combinato al sempreverde Lily Rank (accoppiare due CPU ne incrementa le statistiche a seconda della frequenza di utilizzo), aiuta ad irrobustire i nostri personaggi preferiti. Un sistema che in generale funziona e diverte, ma che scade nella ripetitività fin troppo presto e ciò potrebbe allontanare chi si avvicina per la prima volta al genere, complice il fatto che il titolo sia espressamente pensato come prodotto per i fan del brand e della software house.
Spostando l’attenzione sul comparto tecnico, esso si rivela semplice ma efficace, presentando modelli poligonali di buona fattura muniti di texture passabili ed animazioni gradevoli (per certi versi migliori di quelle presenti nei capitoli principali), ma andando a cadere su un quantitativo decisamente avaro di effetti particellari.
Nulla da dire sull’audio, comprensivo di un buon doppiaggio nipponico e musichette orecchiabili in parte prese dai giochi principali, seppur non destinate ad entrarvi in testa.

Famitsu è tra i personaggi più divertenti da utilizzare.

Famitsu è tra i personaggi più divertenti da utilizzare.

Parlando del lavoro di porting, non posso che fare i complimenti a chi se ne è occupato, poiché il titolo si comporta egregiamente ancorandosi ai 60 fotogrammi al secondo anche con grandi gruppi di nemici su schermo, non eccellendo però nella varietà di scelta delle impostazioni grafiche, alquanto scarne e senza tutte le risoluzioni supportate.
In definitiva, Hyperdimension Neptunia U: Action Unleashed è un prodotto senza infamia e senza lode, capace di divertire ma non a lungo termine e pensato appositamente per i veterani di Gamindustri. Qualora foste tra questi ultimi, potete acquistarlo al prezzo di 27,99 € su Steam o in versione fisica o digitale per PlayStation Vita. Tutti gli altri farebbero bene a partire da un capitolo principale della serie.

premi_1premio

Perché sì:
Perché no:
  • Gameplay in piena tradizione Tamsoft
  • Personalizzazione
  • Port PC

 

  • Ripetitivo
  • Inadatto ai neofiti della saga
  • Trama inesistente

Atlus Hyperdimension Neptunia U: Action Unleashed (Videogioco)


List Price:EUR 49,04
New From:EUR 48,90 In Stock
Used from: Out of Stock


About the Author

Ruka

Un weeb che videogioca e scrive. No seriamente, cosa vi aspettavate ?