Gods Will Be Watching: recensione

2
Posted 11/08/2014 by in PC

Piattaforma:
 
Software House:
 
Genere:
 
PEGI:
 

YOH-OH!:

Le situazioni presentate nei vari capitoli sono molto interessanti, non esiste un unico metodo per superare i capitoli
 

ARR!:

La modalità Original risente a tratti di eccessiva casualità, la trama è piuttosto banale
 
by Rugerfred
Recensione

Si è parlato in lungo e in largo per l’internet di Gods Will Be Watching, l’ultima opera del Deconstructeam nata per una Ludum Dare e diventata poi un gioco espanso più sostanzioso. Non è un caso isolato: proprio in questo momento alla GDC Europe Mattia Traverso e Alan Zucconi stanno tenendo una talk chiamata From a Cookie to the Full Cake, incentrata appunto su come molti giochi creati per una Game Jam possono ambire a qualcosa di più.

Non è facile recensire Gods Will Be Watching e giocandolo si capisce immediatamente il motivo delle discussioni riguardo a questo titolo. Giocandolo, o lo si odia o lo si ama. Il gioco ci mette nei panni del sergente Burden all’interno di diversi episodi che hanno in comune alcune caratteristiche: un tempo limitato per risolvere un problema, una tensione molto alta, numerose scelte cruciali da fare e la costante possibilità che tutto vada a puttane. Nonostante possa sembrare a prima vista un avventura grafica, in realtà le meccaniche da punta e clicca si mischiano ad un sistema quasi gestionale della situazione. A questo si aggiunge il trial & error, un punto focale dell’esperienza, per la quale il giocatore fallirà parecchie volte prima di comprendere le dinamiche di azione-reazione delle proprie scelte.

Gods Will Be Watching

Non mancheranno citazioni ad altri giochi indie

Una delle critiche più grandi che sono state mosse a questo titolo è l’eccessiva casualità di alcune reazioni alle nostre scelte. Nella difficoltà Original, quella consigliata dagli sviluppatori e quella a cui l’ho giocato io per poterlo recensire, ci saranno infatti numerose scelte il cui esito è parzialmente dettato dal caso. All’interno di Gods Will Be Watching questo vuol dire frustrazione: non riuscire a passare un capitolo perché il fato o la casualità non sono dalla tua parte diventa presto pesante per molti giocatori. Al contrario di giochi notoriamente punitivi, come per esempio Dark Souls, qui infatti può capitare di aver compiuto scelte funzionali per la risoluzione del capitolo, ma che ci porteranno ad un imprevisto fallimento per colpa di un eccessiva sfortuna. Questo problema fortunatamente è stato risolto da un recente aggiornamento, chiamato The Mercy Update, che aggiunge 3 nuove modalità di gioco che rimuovono in maniera più o meno decisiva il peso della casualità sull’esito, fino a rendere il gioco molto più simile ad un punta e clicca tradizionale con la Narrative Mode.

Gods Will Be Watching

Dopo ogni fallimento avremo un riassunto delle conseguenze delle mostre azioni

Un altro punto che si è discusso parecchio è la trama di Gods Will Be Watching. Non farò spoiler, ma narrativamente parlando le singole situazioni sono molto più interessanti della storia collettiva il cui epilogo, nonostante ci metta di fronte ad una scelta, l’ho trovato piuttosto deludente. Mi è capitato inoltre di sentirmi poco immerso nel protagonista, ma di avere molta empatia con i personaggi di contorno, che spesso sono caratterizzati molto bene. La morte di determinati personaggi mi colpiva a tal punto che spesso riavviavo il livello prima del fallimento perché sì: c’è sempre un modo di salvare tutti in ogni situazione presentata. L’esperienza offerta da questo titolo non è “divertente”, nella sua accezione più comune, ma “intrattenente”. È vero che a tratti la frustrazione per i troppi fallimenti si concludeva in un nulla di fatto dopo ore di tentativi, ma dopo le giuste pause la voglia di riprenderlo in mano tornava, a dispetto della punitiva casualità. Sempre parlando della modalità Original, arrivare alla fine non è ne facile ne difficile ma solo impegnativo e, come nella vita di tutti i giorni, spesso il caso può portare al fallimento.

Gods Will Be Watching

In caso di superamento del capitolo il gioco ci mostra le percentuali delle scelte fatte dagli altri giocatori online

Da un punto di vista tecnico, grafica e sonoro fanno il loro lavoro in maniera funzionale e ottima, riuscendo a coinvolgere con due pixel in croce e con delle tracce audio che facilitano l’immersione nel clima di tensione. Personalmente è un esperienza che consiglio moltissimo e ammetto che la prima cosa che ho pensato sui singoli capitoli è: “Sarebbero ottimi Chamber LARP!“. Se non vi eravate approcciati al gioco prima per colpa della casualità, allora per voi il The Mercy Update è l’occasione giusta. Potete acquistarlo su Steam per 8,99€.

Premi Gods Will Be Watching


About the Author

Rugerfred

Game Designer freelance, videogiocatore, sperimentatore musicale e affamato di sapere. Ha un conto aperto con Volfied e troppi progetti aperti e non finiti per poter vivere tranquillamente. Cerca di dividere il proprio tempo libero tra gioco analogico e digitale, trovandosi così con giochi che occupano la maggior parte del suo spazio virtuale e fisico.



  • Marco Ceribelli

    Lo sto giocando giusto ora: è particolarmente esaltante, pare di trovarsi in un film di Tarantino! Temo sia estremamente complesso, ma la difficoltà è il sale della vita no?

    • Rugerfred

      Yes! Io lo finii con al difficoltà originale, ma hanno introdotto difficoltà più umane.