Disney afternoon collection – È l’ora della merenda

0
Posted 29/04/2017 by in PC

Piattaforma: , ,
 
Software House:
 
Genere:
 
PEGI:
 
by Cathoderay
Recensione

Tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90, Disney decise di lanciare una serie di cartoni animati che rimanasero nel cuore dei giovani americani (e qualche anno dopo anche da noi in Italia). Per intenderci si parla di cartoni come Darkwing Duck, DuckTales, Cip e Ciop Rescue Rangers e Tale Spin. A questi seguirono molti altri che però non fanno parte della collection trattata in questa recensione, forse perché i giochi a loro dedicati furono sviluppati su sistemi a 16 bit, probabilmente meno famosi. Fatto sta che Capcom poteva inserire in questa collection anche Gargoyles, Goof Troop e Bonkers, ma pazienza, ormai aspettarsi da Capcom delle collection che non siano monche è una vana speranza. Detto questo cosa c’è effettivamente da dire su questa collection di giochi? Sono 5 piccole perle del periodo NES piuttosto interessanti, sia per chi – come me – ne giocò alcuni di questi ai tempi, sia per chi non li ha mai giocati ma vuole dei platform solidi e colorati. Inoltre, anche se alcuni dei titoli in questa collection sentono molto il peso degli anni, fortunatamente l’utilissima funzione di riavvolgimento aiuta a non impazzire per l’eccessiva legnosità di alcune porzioni di gameplay.

pixelflood.it

Il livello della luna è indelebile nei miei ricordi di bambino.

I due Ducktales, ispirati alla serie omonima, vedono Zio Paperone in giro per il mondo alla ricerca di tesori. Degna di nota è la meccanica di salto sul bastone introdotta per la prima volta proprio nel gioco con Scrooge McDuck come protagonista (ripreso poi in vari altri giochi del genere negli anni a venire), il quale risulta un titolo piuttosto divertente con musiche particolarmente azzeccate ( impossibile non ritrovarsi a canticchiare il tema della luna).
Il seguito contiene un paio di meccaniche in più e 5 nuove aree da esplorare, anche se personalmente ho sempre preferito il primo titolo ma credo sia solo questione di gusti.

pixelflood.it

Maledetti cani meccanici

Cip e Ciop Agenti Speciali sono due platform vecchio stile, dove a suon di oggetti lanciati contro i nemici dovrete farvi strada fino al boss del livello, tutto qui. Dopotutto stiamo parlando di una collection di giochi per il NES e i platform di quel periodo, a parte rari casi, erano un po’ tutti uguali. Per delle meccaniche davvero innovative bisognava aspettare un certo Super Mario Bros 3, ma tutto sommato gli sprite erano ben animati e le musiche erano ispirate e gradevoli.

pixelflood.it

Della notte è il solo RE.

Darkwing Duck si sposta un attimo in un genere diverso in cui Capcom aveva dettato legge con titoli del calibro di Megaman e Bionic Commando. Run n’gun di razza, il gioco di doppia D indubbiamente è quello più vario della collezione e anche il più tosto: alcuni boss risultano impegnativi e l’utilizzo di armi e gadget rende molto vario quello che poteva essere un platform anonimo elevandolo a ottimo intrattenitore.

pixelflood.it

Baloo in azione!

Talespin è forse quello meno accattivante tra i titoli proposti. Sarà che la serie da cui è tratto è quella meno famosa, sarà che il gioco è meno che mediocre: uno shooter dove l’unica particolarità è invertire il senso di marcia dell’aereo del prode Baloo (sì, quello del libro della giungla) e niente altro. Le stesse musiche risultano sotto la media per un titolo che non brillava già ai tempi di uscita sulla macchina Nintendo.

pixelflood.it

Uno dei disegni preparatori per Ducktales.

Oltre alla manciata di giochi rapidamente descritti qui sopra, trovate molte informazioni sulla creazione del gioco e sui disegni degli artisti Capcom, che indubbiamente arricchiscono l’esperienza amarcord proposta. Chiudono il pacchetto una manciata di filtri per lo schermo con scanlines varie per simulare diversi tipi di monitor; indubbiamente i giochi contenuti nella Disney Afternoon Collection sono divertenti, alcuni di questi sono vere e proprie perle che chiunque dovrebbe provare almeno una volta nella vita, ma l’impressione è che la collezione sia confezionata ad arte per i nostalgici e difficilmente potrebbe attirare giocatori più giovani, ma infondo sappiamo tutti che la nostalgia è una trappola tremenda no?

Moon Theme

Nostalgia

Perché sì:
Perché no:
  • Pezzi della propria infanzia
  • Musiche
  • Ricchezza di informazioni

 

  • Non per tutti


About the Author

Cathoderay
Cathoderay

Amante dei fumetti in maniera viscerale, è uno dei "Vecchi" della redazione, molto spesso si ricorda di titoli semi sconosciuti perché ha avuto la sfortuna di provarli quando uscirono, ha scritto qua e la per tanti anni in tanti posti, e internet ne porta una sottile traccia, un filo rosso che denota la sua instabilità mentale.Adora gli ornitorinchi, le lontre i lupi e le volpi, ma fondamentalmente non glielo sentirete mai ammettere, perché è una persona orribile.