Dariusburst: Chronicle Saviours – Pesce cotto alla brace

0
Posted 26/01/2016 by in PC

Piattaforma: , ,
 
Software House:
 
Genere:
 
 
by Cathoderay
Recensione

Uno o due mesi fa – non ricordo con precisione – spunta dal nulla la news che il nuovo Darius, nome storico degli sparacchini pew-pew vecchia scuola, sarebbe tornato alla carica con una conversione dell’arcade e relativo port potenziato su PS4, PSVita, Steam.

Io che sono tuttopazzo continuo ad amare queste piccole vecchie glorie e, non appena uscito, mi ci sono buttato a pesce: finalmente atterrato sulla mia PS4 ho collegato il fidato HORI-STICK della PS3 ( perché dicevano che molti giochi su PS4 sarebbero stati compatibili con i vecchi arcade stick) e ovviamente non va, lacrime di sangue e tristezza a palate.

pixelflood.it

So sad amico mio, torni nella scatola..

Risposto nell’armadio l’arcade stick mi sono seduto e ho iniziato a esplorare il menù di gioco che mi sembrava piuttosto ricco di modalità, una cosa che non fa mai male a questo genere di giochi allungandone la giocabilità sensibilimente e, in effetti, è proprio cosi. In questa nuova incarnazione dello sparacchino della gloriosa Taito ci sono tantissimi modi per far saltare in aria alieni cattivi, un bel Frittomisto ! No eh? Ok la smetto.

Pixelflood.it

Un po’ di missioni tanto per gradire.

Nella schermata iniziale si possono scegliere due modalità: AC è la versione arcade e si divide in campagna classica, quella per esperti  e in  missioni singole. Quest’ultime sono particolarmente divertenti, dato che vi danno dei parametri particolari per essere portate a termine, come – ad esempio – l’assenza di determinati power up o un tempo prestabilio.

Trovate poi la scelta tra vite infinite o le canoniche 3 e la scelta del modello di Silver-hawk che intendete usare per blastare tutto quello che compare a schermo, con nuovi modelli che diventeranno disponibili guadagnando punti da poter spendere su una selezione di navi che vanno a pescare direttamente nei vari episodi, dalla navicella storica di Darius 2 a quella che sgancia i buchi neri di Darius Gaiden: una vera gioia per i fan dello sparacchino ittico.

 

pixelflood.it

Ciao tartaruga! possiamo essere amici?

Purtroppo è proprio in questa modalità – che è la più ricca delle due presenti – che si annida l’unico vero problema di questo gioco: la risoluzione dello schermo.

Nel 2016 non è possibile che le software house giapponesi siano ancorate a queste scelte visive dubbie, è vero che la conversione è fatta dalla versione arcade che è sempre stata molto particolare e spesso a più monitor, ma qui si parla di una conversione PC e sopratutto PS4: se qualche fortunato possessore di più schermi su computer potrebbe giovarne, chi gioca su console Sony si becca solo i lati negativi della cosa vedendo un immagine  rimpicciolita a causa delle enormi bande nere che occupano lo schermo, riducendo cosi la parte giocabile a un terzo. Sarebbe bastato mettere una risoluzione adatta agli attuali wide screen per non aver nessun tipo di problema, invece anche su un 42 pollici a volte mi sono ritrovato a saltare in aria perché non vedevo nettamente i proiettili in arrivo e vi assicuro che in Dariusburst il quantitativo è piuttosto elevato, come possiamo osservare nella diapositiva qui sotto.

Pixelflood.it

Sarà meglio impanare la pastinaca prima di cuocerla?

 

Selezionando l’inedita modalità  CS tutto viene riprodotto in fullscreen e come per magia vi sembrerà tutto più bello, lasciandomi ancora più perplesso perché non capisco proprio la scelta di lasciare la modalità principale in una risoluzione cosi bizzarra, andando a complicare la vita al giocatore.
Detto questo ci troveremo ad affrontare in sequenza una serie di missioni con un doppio obbiettivo: completare i livelli e scalare le classifiche dando libero sfogo al vostro estro distruttivo. La componente online, inoltre, è carica di eventi particolari che si sbloccano in determinate date, un idea molto carina che aggiunge ulteriore carne al fuoco al già ricco panorama blastatorio.

Pixelflood.it

Scaldo la padella.

La scelta del multiplayer è l’altro vero neo del gioco, considerando che tantissimi shooter di questo genere quando arrivano sulle piattaforme casalinghe non hanno un multiplayer online ma solo quello locale: intendiamoci, adoro giocare con gli amici sul divano, ma non vedo perché una cosa debba escludere l’altra calcolando che non sempre gli amici con cui ci potreste giocare sono vicini a voi in termini di distanza. Se però riuscite a riunire altri 3 pazzi nella stessa stanza (il gioco supporta fino a 4 giocatori in locale), il gioco da vita a una bellissima danza di morte ed esplosioni, facendovi venir voglia di chiudere in bellezza nel più vicino ristorante giapponese della zona.

Pixelflood.it

Come all’acquario di Genova, con meno fila e più proiettili.

La colonna sonora è affidata come sempre agli Zuntata, storico gruppo che si è occupato di tutte le colonne sonore della serie e di tanti altri giochi del paese del sole levante, ed è come sempre di altissimo livello, variando dai brani chillout a momenti tipicamente lirici accompagnati da una bellissima voce femminile. Credo che il comparto audio, insieme alle tantissime opzioni di gioco, siano il fiore all’occhiello di questo nuovo capitolo della saga di Darius, facendomi ben sperare che il genere nonostante stia diventando estremamente di nicchia sia ancora vivo e scalciante. Peccato per la parte grafica, con spritse a volte non all’altezza delle risoluzioni elevate su cui il gioco si mostra: finché gira su una console da 5 pollici come PSVita si può chiudere un occhio, ma le bande nere e le texture povere su una TV da 42 pollici come la mia non si possono proprio vedere. Spero in una futura patch che sistemi almeno le bande nere, perché è davvero un peccato non potersi godere un gioco del genere in tutta la sua magnificenza.

DARIUS BURST POLIPI

Perché sì:
Perché no:
  • Adrenalinico.
  • Tantissime navicelle da sbloccare.
  • Colonna sonora da urlo.

 

  • Grafica povera.
  • Bande nere.

Potete friggere anche voi pesci spaziali giganti comprando il gioco su steam a 45,99 oppure su Ps4  a 59,99 o ancora su Psvita a 39,99

 

 

 

 


About the Author

Cathoderay
Cathoderay

Amante dei fumetti in maniera viscerale, è uno dei "Vecchi" della redazione, molto spesso si ricorda di titoli semi sconosciuti perché ha avuto la sfortuna di provarli quando uscirono, ha scritto qua e la per tanti anni in tanti posti, e internet ne porta una sottile traccia, un filo rosso che denota la sua instabilità mentale.Adora gli ornitorinchi, le lontre i lupi e le volpi, ma fondamentalmente non glielo sentirete mai ammettere, perché è una persona orribile.