Copy Kitty – Gatta ci copia

0
Posted 14/10/2016 by in PC

Piattaforma:
 
Software House: ,
 
Genere: , , ,
 
PEGI:
 
by Nicola De Bellis
Recensione

Sapete a cosa non pensavo da parecchio? Bangai-O. Per quanto fossero originali ed interessanti, i giochi della Treasure non sembrano aver mai goduto di una grassa folla di cloni. Prima ho realizzato come al mondo ci siano pochissimi cloni di Guardian Heroes, ora lo stesso pensiero si rivolge ad un altro gioco Treasure dimenticato dal tempo. Forse si è già capito quando ho scritto di Code of Princess, ma sono un ammiratore dei lavori di questa software house giapponese, così come devono esserlo alla Nuclear Strawberry, visto il numero di ispirazioni ed omaggi che hanno condensato in un singolo gioco.

Copy Kitty è un platform shooter 2D per PC, sviluppato da Nuclear Strawberry e distribuito da Degica, che si rifà a parecchi giochi Treasure del passato, pescando elementi unici da ognuno di essi e rimescolandoli a modo suo.
Il sistema di combinazione delle armi è l’attrazione principale del pacchetto. Boki, la protagonista e gattina del titolo, ha la capacità unica di copiare le armi dei nemici sconfitti e tenerne in memoria fino a tre contemporaneamente, le quali possono essere utilizzate individualmente o in modo combinato. Se la cosa vi suona familiare, probabilmente avete giocato a Gunstar Heroes, il principio è lo stesso, a differenza di quest’ultimo, però, qui è possibile combinare fino a tre armi contemporaneamente.
La quantità di opzioni è stratosferica, anche dopo aver completato tutti i livelli ho l’impressione di averne saltate parecchie. Se la meccanica vi suona troppo complessa, non abbiate paura, il gioco è più semplice da giocare che da spiegare. Le armi si raccolgono in forma di power-up, come in altri classici run’n’gun, sono automaticamente combinate in inventario ed assegnate ad un tasto separato dallo sparo singolo.

Ad esempio, combinare Split e Force risulta in un proiettile che mira automaticamente ai nemici e, all'impatto, si divide in altri proiettili.

Ad esempio, combinare Split e Force risulta in un proiettile che mira automaticamente ai nemici e, all’impatto, si divide in altri proiettili.

Copy Kitty, di primo acchito, può sembrare complicato, ma in realtà è estremamente facile da imparare. Lo schema di controllo di default è molto semplice e non è necessario mirare agli obiettivi avanzati per completare i livelli. Ogni stage ha un solo obiettivo principale: distruggere tutti i nemici marchiati, dopodiché si conclude automaticamente. La cosa è, inizialmente, molto semplice, ma avanzando il level design si fa sempre più complesso, pieno di trappole e trucchetti che mantengono alto l’interesse.
Per un gioco che offre 120 e passa livelli è impressionante come riesca a non ripetersi quasi mai: n ogni nuovo stage ho trovato nuovi nemici, nuove trappole, nuove gimmick e, soprattutto, nuove combinazioni di armi o nuovi modi di sfruttarle, senza contare l’occasionale livello bastardo in cui non ci sono armi, ce n’è solo una o tutti i nemici sono invincibili. C’è un’enorme dose di varietà in un pacco piccolo piccolo.

Ad esempio, in questo livello basta distruggere questi tre generatori, ma l'intero livello è un enorme percorso ad ostacoli fino ad essi.

In questo livello basta distruggere i tre generatori, ma l’intero stage è un enorme percorso ad ostacoli fino ad essi.

Il motivo per cui mi ricorda particolarmente Bangai-O è proprio il level design, all’apparenza un semplice shooter 2D, ma in realtà un complesso puzzle balistico con tempismi tarati al millisecondo. I livelli si possono completare avanzando in modo goffo, prendendo tonnellate di danni ed usando armi a caso, nessuno lo impedisce, ma il vero obiettivo è completarli alla perfezione, con punteggi enormi e senza prendere danni. In uno stage tutto è posizionato in modo da favorire esattamente questo, trappole, muri, armi droppate dai nemici, ogni cosa è calcolata per essere eseguita alla perfezione.

Alcuni nemici, una volta abbattuti, si possono pilotare per spaccare tutto.

Alcuni nemici, una volta abbattuti, si possono pilotare per spaccare tutto.

Copy Kitty è uno di quei giochi che continua a migliorare man mano che lo si gioca. A furia di investirci tempo si diventa sempre più avvezzi alle sue meccaniche avanzate, si impara a scegliere con cura quali armi trasportare, a muoversi con cautela per evitare i proiettili, ad inanellare combo senza perderla mai e completare il livello in una run miracolosa, eseguita con la velocità e perfezione di un Eletto.
Se c’è una critica da muovergli, però, è proprio sulle meccaniche avanzate, o meglio sul fatto che il gioco non le spiega mai. Ad esempio, oltre a sparare, Boki può anche tirare un calcio, attacco all’apparenza inutile, ma in realtà capace di cancellare i proiettili nemici (elemento ripreso da Alien Soldier, sempre di Treasure) e rimandarli anche al mittente se usato col tempismo giusto. Questo è un enorme vantaggio per il giocatore che Copy Kitty non si degna mai di menzionare ed ho scoperto completamente per caso. Non spiega neanche il sistema di combo e danni, né il fatto che si può rimbalzare sulla testa dei nemici senza ucciderli

Come da tradizione Treasure, non possono mancare tonnellate di boss strampalati, tutti differenti tra loro.

Come da tradizione Treasure, non possono mancare tonnellate di boss strampalati, tutti differenti tra loro.

C’è un altro sassolino che voglio levarmi dalla scarpa, ma questo è molto più relativo: Copy Kitty è un’orgia di colori, flash ed effetti di luce ed il troppo stroppia. Di certo è affascinante da vedere in movimento, ma diventa fastidioso quando proiettili e nemici iniziano a confondersi con i millemila laser sullo sfondo ed i muri luccicanti. Il motivo per cui è una critica relativa è che gli effetti grafici pacchiani si possono eliminare dalle opzioni, al prezzo di rendere il gioco molto più sterile esteticamente. La scelta sta a voi.

...non so se mi spiego.

…non so se mi spiego.

In sostanza, non conoscevo Copy Kitty neanche di nome fino a quando mi hanno appioppato la review, ma è stata una piacevolissima sorpresa che si becca assolutamente un pollice in su. Le meccaniche sono rifinite ed interessanti, il gioco è esteticamente piacevole (anche se la qualità degli sprite mostra la sua natura amatoriale) ed offre tantissimi contenuti da giocare e rigiocare. Non solo contiene 120 livelli, senza contare i bonus, ma oltre alla gattina Boki si può giocare anche con lo scienziato Savant, dalle meccaniche completamente diverse. Non vi basta? Una volta finita la modalità storia si possono rigiocare tutti i livelli a difficoltà più alta. Ne volete ancora? Contiene anche un editor di livelli per giocare potenzialmente all’infinito.
Copy Kitty è un gran bel platform shooter che copia dai grandi, ma riesce ad essere unico, interessante e divertente.

Se volete essere copioni e giocarci anche voi, trovate Copy Kitty su Steam alla modica cifra di €9.99.

ck_premi

Perché sì:
Perché no:
  • Tantissime armi da combinare
  • Tonnellate di livelli
  • Sorprendentemente vario
  • Due personaggi giocabili completamente diversi
  • Editor di livelli incluso
  • Un fracco di boss

 

  • Gli effetti grafici pacchiani possono diventare fastidiosi
  • Meccaniche avanzate non spiegate
  • Alcuni boss fanno bestemmiare duro


About the Author

Nicola De Bellis

Disegnatore, pixel artist, game designer dilettante e ombra di se stesso professionista, critica allo sfinimento tutto ciò in cui riesce ad affondare i denti e scrive le sue orribili opinioni pubblicamente come passatempo.