Clustertruck – The road is lava

0
Posted 21/10/2016 by in Linux

Piattaforma: , , ,
 
Software House:
 
Genere: ,
 
PEGI:
 
by Rugerfred
Recensione

Nello slang americano con clusterfuck si intende una situazione caotica nella quale tutto sembra stia andando fuori controllo. Sostituite la desinenza nella parola mantenendo il caos assoluto e avrete Clustertruck, frenetico platform basato sulla fisica sviluppato dagli svedesi Landfall Games.

Clustertruck

Non fatevi domande. Saltate.

Il cuore del gioco è tanto semplice quanto brillante nell’esecuzione: prendete il gioco per bambini The Floor is Lava, aggiungete un convoglio di camion impazziti, e preparatevi a saltare da un tettuccio all’altro. Per ogni livello dovremo raggiungere un traguardo, passando da un camion all’altro, nel minor tempo possibile. In tutto questo, i camion saranno controllati da una AI e si comporteranno ogni volta in maniera leggermente diversa, aggiungendo il giusto pizzico di rigiocabilità, mantenendo però la rabbiosa frizzantezza quando moriremo schiantandoci al suolo perché “ci doveva essere un camion qui e invece no”. Ci tengo a specificare che non è frustrazione, ma più la sensazione della sfida, un po’ come quando lo schianto contro un muro in Super Hexagon ci spingeva a riprovare il prima possibile.
Il gioco ci presenta 90 livelli divisi in nove ambientazioni diverse. Ogni mondo avrà infatti un’architettura peculiare, una colonna sonora dedicata e diverse tipologie di ostacoli. Il tutto è completabile in quattro ore circa, ma Clustertruck sa come coccolare i suoi giocatori, offrendo un editor di livelli integrato con lo Steam Workshop. La comunità di gioco ha colto l’occasione al balzo (capita la battuta, eheh?), pubblicando quasi 500 livelli.

Clustertruck

Ogni mondo sarà composto da 10 livelli in successione.

Superando i vari livelli otterremo punti in base al tempo impiegato e al numero di cose fuori di testa che riusciremo a eseguire. Ad esempio, saltare da un camion che sta per esplodere a un camion che sta precipitando nell’abisso e saltando nuovamente prima che cada verso un altro camion in corsa ci darà più punti rispetto al rimanere appollaiati sullo stesso tettuccio, saltando solo in condizioni tranquille.
I punti ottenuti possono essere spesi per acquistare abilità, divise in Movement e Utility, che potremmo portare con noi durante i livelli. Tali abilità possono darci una mano a gestire le manovre più rischiose, portandoci così ad ottenere più punti, oppure cambiare alcune regole di gioco, incrementando ulteriormente la rigiocabilità.
Preparatevi quindi a saltare tra camion in slow motion, levitare, generare altri camion a vostro piacimento, usare rampini per sfruttare l’architettura intorno a voi, e molto altro di cui vi lascio il piacere della scoperta.

Clustertruck

Le abilità saranno divise tra Movement e Utility.

Il comparto artistico se la cava, mantenendo un’estetica low-poly dai colori tenui, accompagnata da un comparto sonoro energetico che cambia sonorità in base al mondo in cui stiamo giocando.
Nel complesso, ho trovato Clustertruck un ottimo gioco per riempire sessioni di gioco non troppo lunghe, prestandosi bene sia a una giocabilità on-the-go alla “ho 20 minuti di tempo, vediamo a che posso giocare ora”, che a lunghe sessioni di gioco colme di determinazione per superare un livello piuttosto ostico.

Se anche voi non vedete l’ora di saltare di camion in camion, proiettatevi sullo Steam store per acquistarlo a 14,99 €.

Clustertruck Premi

Perché sì:
Perché no:
  • Dinamico e frizzante
  • Si presta anche a partite brevi
  • C’è l’editor di livelli

 

  • Poco spazio per pensare
  • Se non vi piacciono i giochi estremamente frenetici non fa per voi


About the Author

Rugerfred

Game Designer freelance, videogiocatore, sperimentatore musicale e affamato di sapere. Ha un conto aperto con Volfied e troppi progetti aperti e non finiti per poter vivere tranquillamente. Cerca di dividere il proprio tempo libero tra gioco analogico e digitale, trovandosi così con giochi che occupano la maggior parte del suo spazio virtuale e fisico.